Utente 379XXX
Salve a tutti, è un paio di settimane che mi sento la gamba gonfia e ho le vene della gamba destra gonfissime e dure, non so cosa fare ho consultato il medico e mi ha detto che è flebite, mentre in pronto soccorso hanno negato tutto dopo un'ecografia dicendo che è solo un infiammazione del tendine, però mi preoccupa questa situazione e per questo chiedo aiuto a voi, grazie.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
risulta difficile a distanza fare valutazioni che superino quelle di chi ha la possibilità di osservrLa dal vivo.
In ogni caso farebbe molta differenza la soggettività del sintomo ("mi sento la gamba gonfia") rispetto alla obiettività (gamba effettivamente gonfia), mentre la negatività dell'ecografia (ecocolordoppler?) potrebbe fare escludere la presenza di trombosi venose o flebiti superficiali.
L'eventuale persistere dei sintomi consiglierebbe un approfondimento specialistico diretto.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Sabino
12% attività
0% attualità
0% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 12
Iscritto dal 2015
Gentile utente,
concordo a pieno con il collega Piscitelli:
innanzitutto stai tranqillo perchè il responso negativo di un eco-doppler venoso (l'esame che sicuramente hai effettuato in P.S)., esclude una trombosi venosa profonda, che è l'unica diagnosi realmente temibile in un edema d'arto ..
Per quanto riguarda la flebite anch'essa può essere esclusa con sia clinicamente che ecograficamente
Ti garantisco che la stragrande maggioranza delle diagnosi di flebite effettuate dai "non addetti ai lavori" sono aihmè improprie, e l'edema (il gonfiore per intenderci) è quasi sempre dovuto a fatti posturali (noi lo chiamiamo linfedema secondario).
Mi sentirei di tranquillizzarti a riguardo e non vedo perchè dubitare della diagnosi dei colleghi del PS (a distanza sembra verosimile, come da manuale)
Ti saluto nel ricordarti che i miei consigli non possono sostituire in alcun modo la presa in carica di un paziente con le dovute cure del caso