Utente 187XXX
Gentili Medici,
mia madre, a causa di un edema corneale (solo occhio sin) mal curato, è stata sottoposta al trapianto avvenuto lo scorso 22 marzo.
L'intervento, a detta dei medici, è riuscito.
Durante il primo controllo le è stata tolta la lentina che proteggeva l'iride e che (lo abbiamo capito in quella sede) era la causa dei dolori che avvertiva da 2 giorni, perché pare si fosse spostata.
Nonostante continui la terapia farmacologica e porti la benda protettiva prestando massima attenzione a qualsiasi "evento" che possa interferire con la guarigione, mia madre è molto scoraggiata in quanto il recupero della vista pare essere "lento" o pressoché inesistente.
Generalmente, dopo quanto tempo avviene lo sperato recupero della vista?
E dopo quanto tempo il trapianto può essere considerato vano?
Grazie di cuore a quanti avranno la cortesia di rispondere!
[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno
28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
dovrebbe essere più preciso perchè di trapianti di cornea ne esistono diversi con differenti tecniche, Si può trapiantare l'intera cornea e allora si parla di trapianto perforante, o soltanto una sua parte, e allora si chiama lamellare.
A seconda del trattamento, cambiano i tempi di recupero e la guarigione.
Se le è stato proposto questo trattamento ovviamente è stato per migliorarle la condizione, dunque rassicuri la signora, nel tempo vedrà i risultati.
Se saprà essere un pò più preciso, potremo risponderle adeguatamente.
Certo di averle fatto cosa gradita,
le porgo cordiali saluti e pronta guarigione per la signora.