Utente 241XXX
Scrivo per un parere. Ho 42 anni e nessun problema di salute. Ieri ho effettuato una visita oculistica perché ho notato due mesi fa guardandomi allo specchio una differenza della pupilla tra occhio sinistro e destro. Ho scattato una foto e misurando mi risultava di circa un millimetro. L'oculista che mi ha fatto una visita approfondita ha rilevato che la vista è ottima, tutto nella norma e che effettivamente c'è una anisocoria. Dopo una serie di domande mi ha detto che non c'è nulla di importante e che le pupille reagiscono e il nervo ottico è in perfetto stato così come tutto il resto, mi ha dato una percentuale di tranquillità del 99% però mi ha suggerito, per maggior scrupolo, di effettuare un esame del campo visivo computerizzato (che mi farà stesso lui in ospedale) tra dieci giorni. Mi ha consigliato di ricercare fotografie della mia vita per vedere se si evidenziava già questa anisocoria. Premetto a lei, cosa che ho dimenticato di dire all'oculista, che assumo sertralina (zoloft) 50 mg da circa 5 anni per una forma ansiosa depressiva. Non nascondo che sono entrato in stato di grande ansia perché ho letto su internet che l'anisocoria è sintomo di problemi gravi. Dopo essere uscito dalla visita oculistica sono andato a guardare tutta una serie di fotografie precedenti ed effettivamente in alcune risalenti a circa 7 anni fà è visibile una differenza tra le pupille (in alcune l'effetto del flash che fà gli occhi rossi dimostra che in un occhio, appunto il sinistro, il rosso è maggiore del destro). Come ho detto all'oculista, in risposta alle sue domande, ho fatto una settimana fà esami del sangue completi da cui non è emerso nulla se non il colesterolo leggermente fuori range. Non nascondo che sono nel panico perché l'attesa per l'esame mi sfibra. Le chiedo se cortesemente si potesse fare una valutazione del quadro generale alla luce di quanto esposto e se effettivamente non c'è di che preoccuparsi. Volevo chiedere inoltre: se l'esame del campo visivo dovesse essere negativo dovrò fare ulteriori accertamenti o posso acquisire l'anisocoria come elemento fisiologico o provocato dalla sertralina che tra i suoi effetti collaterali porta midriasi? Ho chiamato il mio medico di base questa mattina raccontandogli la vicenda e chiedendogli se secondo lui era necessaria una risonanza e mi ha detto che l'oculista se avesse ritenuto ci fossero le necessità lo avrebbe fatto e quindi, alla luce delle informazioni, un esame superfluo. Cosa mi consigliate? Farei bene a fare comunque una RMN? Spero di essere stato esaustivo e chiaro e ringrazio sin d'ora.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
una anisometropia cosi lieve
1 mm
non significa granche’
il suo medico oculista
e’ un grande medico
gli formuli per cortesia i complimenti da parte mia.

oltre il campo visivo
eseguirei una PUPILLOMETRIA
statica e dinamica
a luce fotopica
mesopica e scotopica
a quel punto misuremo il dato REALE

e nella peggiore delle ipotesi valuteremo anche RMN


ci sente?
ha male ad un orecchio?
ha mal di denti da quel lato?
[#2] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
Salve dottore, la pupillometria mi e' stata fatta appunto dall'oculista che ha rilevato la differenza e infatti mi ha mostrato delle immagini digitali da cui si evince. Non mi ha specificato di quanto, ma parla di circa 1 mm. Mi ha fatto varie prove alla pupille con luce e senza (non saprei come definire i test). Mi ha detto che le pupille reagiscono non danno nessun segno anormale. Il campo visivo vuole farlo per levarsi ogni scrupolo, inoltre ieri ha visto le foto di 7 anni fa ed ha confermato la sua tesi che non e' nulla di importante. Secondo lui ho subito un colpo anni addietro che ha provocato questo. Rimane convinto che la RMN e' superflua. Se il campo visivo rivela qualcosa, la prenderemo in considerazione. Per cio' che attiene l'udito e i denti, sono le stesse domande che mi ha fatto lui, non c'e' nulla di diverso. Ho contattato nel frattempo un neurologo che mi ha visitato e fatto dei test, tutto nella norma (la visita e' durata poco). Anche quest'ultimo parla di anisocoria fisiologica e escude RMN, conferma esame campo visivo, ma senza nessuna urgenza. Secondo lei? Grazie ancora per interesse.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
si secondo me il suo oculista e’ un grande oculista
la differenza di un millimetro non significa nulla
esegua una valutazione ORL se ritiene


buona domenica
[#4] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dr. Marino, ho effettuato campo visivo questa mattina in ospedale e me lo ha fatto lo stesso oculista che mi ha visitato privatamente. E' inutile che le metto tutti i dati perché l'oculista mi ha detto che è eccellente e al di sopra della media. Mi ha rivisitato ancora il fondo oculare e fatto altre prove (credo di tipo neuroftalmico). Mi ha liquidato dicendomi che fare una risonanza è assolutamente inutile e mi metterebbe ulteriore ansia, non c'è nulla di cui preoccuparsi e che se comunque volevo fare una risonanza poteva già preannunciarmi il responso al 99,9 percento non avrebbe trovato nulla. Ha classificato anisocoria come fisiologica, anche alla luce delle foto di dieci anni fa che ha esaminato e misurato. Che dice? Rinuncio alla risonanza? Saluti e grazie per i suoi consigli