Utente 381XXX
Salve Dottori!
Sono un ragazzo di 18 anni e il giorno 28 Aprile ho avuto ció che è stato definito come un attacco di panico dovuto all'assunzione di cannabis. Sono andato in ospedale,mi hanno fatto l'elettrocardiogramma ed era tutto apposto.. Di lì ho passato tutta la settimana successiva bene fino a quando,durante la Veglia di Pasqua,mi è preso un secondo forte attacco di panico,ho avuto un formicolio forte al braccio sinistro che in un Po di tempo ha coinvolto anche il viso..Da quel giorno non sono più riuscito a stare bene. Avevo paura che il cuore smettesse di battere.
I miei sintomi sono tra i più svariati,ogni tanto dolore al petto,ma più come un blocco soprattutto quando sono con la schiena piegata in avanti. Poi ogni tanto doloretti al petto sinistro,raramente scossette. Ma il sintomo più frequente, quasi quotidiano è la mancanza di forza negli arti.. Mi spiego: Riesco a muovere tranquillamente mani braccia gambe ecc ma non le sento come parte del mio corpo,so che sono presenti solo quando sono a contatto con altre cose,come ad esempio quando sono sdraiato ecc.. Un'altra cosa è che ogni tanto per respirare devo mandare giù un po di saliva..Cosa può essere?
P.S, Ho controllato la tiroide e mi hanno trovato un agenesi (si dice così?) di uno dei lobi tiroidei,ho fatto le analisi e è tutto apposto. Inoltre ho fatto anche le analisi del sangue tradizionali ed anche quello è tutto apposto.
Ammetto che sono diventato un po "ipocondriaco" nel senso andavo a leggere tutti i miei sintomi su internet e sembrava che avessi tutte le malattie del mondo, come la Sclerosi Multipla. Il fatto è che io vivo malissimo così.. Da come ero pieno di vita,facevo un sacco di partite di calcio alla settimana,ora ho paura anche a mettere piede i un campo di calcio..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Più che di un cardiochirurgo, ha bisogno di un aiuto psicologico, tutto quello che riferisce sono malesseri tipici di chi è fortemente ansioso.

Sono convinto potrà risolvere il problema

In bocca al lupo!

GI