Utente 385XXX
Gentile Dottore,
le chiedo gentilmente un consulto riguardo la mia attuale situazione di salute. Ho 22 anni ed ho subito circa due anni fa un trapianto midollare per malattia linfatica. Da qualche mese sto riscontranto una forte tachicardia (premetto che sono un tipo ansioso e soffro anche di attacchi di panico); ho effettuato una serie di controlli cardiologici (Eco, ECG, prova da sforzo) che hanno riscontrato una tachicardia sinusale ed hanno escluso problemi fisiologici del cuore. Il mio cardiologo mi ha prescritto, quindi, 1/2 compressa di beta-bloccante Congescor da prendere 1 volta al giorno (dose blando poichè sto soffrendo anche di pressione bassa, generalmente sui livelli di 100/65 a volte anche più bassa). In relazione a quanto ho appena descritto la mia tachicardia è normale? può essere una causa della mia ansia o anche della pressione bassa? Attendo riscontri. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
se non quantifica la definizione " forte tachicardia" non posiamo capire.

In ogni caso, con la negatività delle indagini strumentali effettuate credo che possa stare tranquillo.
Programmerei, se non l'ha fatto, un Holter ECG/24h, molto utile nel suo caso.

In quanto alla terapia, lei non necessita di beta bloccante: essendo un ansioso con attacchi di panico necessita adeguata terapia farmacologica per questa sindrome, consigliata da uno specialista.
Inoltre le gioverebbe molto l'attività fisica sotto forma di passeggiate, uso minimo dell'automobile, nuoto NON AGONISTICO, attività ludiche: la palestra invece non è consigliabile nè consigliata.

Cari saluti.
[#2] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dott.,
anzitutto la ringrazio per la tempestiva risposta chiarificativa. Per forte tachicardia intento valori superiori ai 100 battiti al minuto; durante prova da sforzo sono partito con battito cardiaco di 136 ed ho concluso con battito di 179 durante circa 10 minuti di prova. L'assunzione di betabloccante incide molto sulla pressione arteriosa in questo caso? e mi perdoni la domanda, come mai non è consigliata attività come la palestra? Premetto che io ho sempre sofferto di un battito accellerato sin dal periodo in cui ho effettuato chemioterapia, solo che la noto maggiormente accentuata in questo periodo. Grazie ancora, cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
al climax dello sforzo una frequenza di 179 bpm è perfettamente normale.

Se lei fa vita sedentaria, se è sempre con il polso in mano a contare le sue pulsazioni, non le troverà mai <100/m

Comunque le ho consigliato e ribadisco l'utilità di un Holter ECG per sua tranquillità.

Il Bisoprololo esiste da 1,25/ 2,5/3,75/5,0/10,0 mg.
Anche qui non specifica che dosaggio le sia stato prescritto.
Sebbene questo farmaco sia meno ipotensivante di altri beta bloccanti, con il caldo di questi giorni, che è già un fattore tachicardizzante, può favorire un calo della P.A. in un soggetto normoteso.
Beva molto, almeno 2lt di liquidi sorseggiati nelle 24h.
La palestra non le serve: si finisce per fare attività agonistica sotto le mentite spoglie di attività ludica. L'attività fisica eccessiva non giova al cuore, nemmeno a uno sano come il suo.

La tachicardia durante la chemio poteva essere legata a diversi fattori: intrinseci ai farmaci del protocollo mieloablativo e conseguente all'anemia.

Confermo infine quanto riportato nel precedente consulto.

Cari saluti.
[#4] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dott.,
il cardiologo mi ha prescritto inizalmente 1/2 Congescor al dì da 1,25 (dose blanda per monitorare la pressione arteriosa) poi ha deciso di passare a 1/2 al mattino e 1/2 alla sera poichè ho notato di avere maggiore tachichardi soprattutto al mattino quando mi alzo dal letto (lo noto dal polso molto accellerato). Purtroppo come lei ha ben capito ciò mi sto infastidendo molto poichè mi trovo sempre a monitorare la frequenza cardiaca, limitando molto il mio normale svolgimento di vita. La ringrazio ancora una volta per le immediate risposte.Coridali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
"Purtroppo come lei ha ben capito ciò mi sto infastidendo molto poichè mi trovo sempre a monitorare la frequenza cardiaca, limitando molto il mio normale svolgimento di vita".
Dunque conviene che ha bisogno di una terapia farmacologica per il suo disturbo ossessivo - compulsivo.
Almeno su questo siamo d'accordo.

Il bisoprololo ha una farmacocinetica che prevede l'assunzione una volta nelle 24 ore della dose stabilita.
Somministrarlo la sera significa ottenere delle frequenze notturne molto basse che possono creare problemi.
Lo faccia notare al suo Cardiologo.

Cordiali saluti a lei!
[#6] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Mi permetta un ultima delucidazione, lei in questo caso che dose mi farebbe assumere? E per la pressione bassa c'è qualcosa che posso fare oltre all'assumere Polase giornalmente e liquirizia (su conisglio del cardiologo) ed inoltre ciò potrebbe essere una causa dovuta alle chemio fatte negli addietro (circa 35 + trapianto)? Grazie mille, saluti.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Forse non mi sono spiegato: lei non ha bisogno di alcun betabloccante ma di una terapia data uno specialista per il suo disturbo ossessivo - compulsivo.
Non posso darle alcuna terapia per via telematica, solo dei suggerimenti e degli input che lei è libero di seguire oppure no!

In quanto alla liquirizia, dovrebbe mangiarne kili per ottenere cosa: una ritenzione idrosalina? E l'azione di deplezione potassica della glicirrizina, che può dare astenia, crampi, è stata messa in conto? L'azione lassativa è stata considerata? Gli elettroliti sono stati dosati?
O siamo ancora alla medicina empirica?

E' più semplice consigliare di mangiare più "saporito" con un pizzico di sale in più che invitare a consumare piantagioni di liquirizia.

Se la cinetica del VS all'ecocardiogramma colordoppler è nella norma, e la frazione di eiezione =o > al 60% la chemioterapia non ha arrecato nessun danno al suo cuore e le ha salvato la vita.
Confermo i consigli dei precedenti consulti.

Buona serata.




[#8] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dott.,
Mi permetta di chiederle un ultimo appunto: come mai questa tachicardia la avverto maggiormente al mattino o comunque quando mi alzo dal letto? La ringrazio, cordiali saluti.
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
perchè attiva fiosologici riflessi posturali.

Tutto nella norma.

Buona domenica.