Utente 758XXX
Salve,
ho 24 anni e circa 8 anni fa mi uscirono come delle piccole cisti bianche sulle palpebre e il dermatologo mi diede una gel (da usare anche nella striscia iterna della palpebra dove ne avevo una) e sparirono nel giro di pochi giorni. Da un annetto mi sono riuscite nuovamente negli stessi punti, ho appena consultato il dermatologo il quale mi ha detto che si tratta di comedoni chiusi, che non spariscono con facilità ma bisogna inciderli, ma mi ha cmq detto di provare con una cura: clindamicina gel e airol lozione da applicare alternativamente la sera. Ho iniziato da circa 6 giorni e, oltre all'irritazione della pelle del viso (come spellata sulle guance)e al bruciore nell'applicazione dell'airol sui comedoni alle palpebre (con un cotton fioc), la pelle delle palpebre è diventata come screpolata, avvizzita e mi prude e brucia, come se si fossero aperte delle feritine: è normale? La lozione è forse troppo forte? Rischio danni alla pelle delle palpebre? Con quale crema per il viso e per il contorno occhi posso aiutarmi che non contrasti con l'azione di quelle prescrittemi per mantenere la pelle idratata e morbida? Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
purtoppo la secchezza, il bruciore e i sintomi da lei descritti sono i tipici effetti collaterali locali dell'Airol lozione.Deve farsi rivalutare per modificare evenualmente o aggiungere una crema emolliente-idratante con attività antiinfiammatoria.
Un'altra alternativa alla terapia farmacologica locale dei comedoni chiusi o di cistine miliari delle palpebre è quella della elettrocauzione con ago sottile da epilazione.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
I comedoni chiusi sono la prima lesione clinica di alcuni tipi di Acne e nulla c'entrano con le palpebre :

in quella zona si reperiscono diverse lesioni cliniche come gli idroadenomi, gli adenomi sebacei gli xantelasmi e - forse il suo caso - i milia (che non sono "comedoni chiusi):

la diagnosi e la terapia viene scelta assieme al dermatologo, ben sapendo che il sottoscritte non consiglia terapie laser o diatermocauteriche sulle palpebre.

cari saluti
[#3] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
Se l'operatore esegue correttamente a livello dermochirurgico una Dec come solitamente rietra nelle competenze la terapia cauterica sulle palpebre è rutinaria.Le palpebre sono regioni anatomo-chirurgiche ed estetiche si delicate, ma con caratteristiche simili a tutta la cute.
Ogni medotica strumentale è operatore-dipendente.
Cordiali saluti