Utente 342XXX
Salve,
mio padre 74enne il 10 ottobre dovrebbe subire un intervente di asportazione di una neoformazione sul soppracciglio (una sorta di foruncolo che non guarisce mai). Lui attualmente assume cardioaspirin 100 , unoprost, eutirox 75. Il chirurgo gli ha detto di sospendere cardioaspirin 10 giorni prima dell'intervento e di fare per iniezioni di seleparina da 0,3. Vorrei sapere dato che lui assume cardioaspirin da aprile di quest'anno se rischia qualcosa.
Lui non vuole fare queste iniezioni nella pancia. Come si può fare.
RingraziandoVi anticipatamente, porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
Il suo medico non ha torto: l'aspirina andrebbe sospesa almeno 5 giorni prima dell'intervento e sostituita con eparina sottocute. Se il paziente è portatore di una protesi cardiaca biologica e non è in fibrillazione atriale, o se è stato operato di bypass coronarico può anche non fare la terapia con l'eparina. Se invece ha una protesi meccanica o, indipendentemente dal tipo di intervento subìto, è in fibrillazione atriale, è pericoloso non fare la terapia eparinica sottocute (rischio di trombosi).

Distinti saluti