Utente 211XXX
Salve, è da circa due anni che soffro alcuni disturbi legati all'apparato respiratorio. Dopo una visita allergologica per disturbi quali tosse, secrezioni nasali e bronchiali che mi portavano per l'appunto a tossire e inoltre rumori respiratori se respiravo con la bocca, si evince una restrizione bronchiale a seguito di una spirometria (leggera) . La cura era montelukasm, antistaminico e foster, seguita per 4 mesi interamente senza miglioramenti, cioè l'unico beneficio lo avevo dal foster che grazie alla broncodilatazione mi portava a diminuire la tosse e i rumori respiratori erano minori, finito l'effetto, oppure ancora se evitavo almeno un puff al giorno ricominciavano i rumori respiratori (sopratutto a bocca aperta nella fase di espirazioni), le secrezioni in gola che mi portano a schiarire continuamente la voce e la tosse continua. Detto in altre parole , prendevo l'antistaminico ma le cose non miglioravano, l'unico beneficio lo trovo in uno spray inalatorio (FOSTER) faccio un puff ogni sera prima di dormire .Non ho fatto le prove allergiche e non so se sono allergico a qualcosa precisamente, ma posso confermare che in primavera e a settembre ho il naso che cola e giorni tendo a fare molti starnuti, tampono con un antistaminico al bisogno (reactine tipo). L'asma non è a livelli di emergenza, nel senso che non ho problemi improvvisi, l'unica cosa sono le secrezioni , la tosse , prurito oculare, il senso di oppressione al torace e leggero, provai a staccare il foster e a non prendere nulla e dopo un paio di settimane mi ritrovai che al risveglio, al mattino ero intasato a tal punto da avere rumori respiratori maggiori che sentivo sino al basso torace, feci anche una lastra da cui non si evidenziava nulla (poiche probabilmente nell'arco della giornata tendo ad espellere il catarro). Ciò nonostante ho intenzione di migliorare la mia situazione perchè fare un puff al giorno di foster alla mia età (20) sicuramente mi porterà conseguenze nonostante il basso dosaggio del farmaco. Stavo pensando di assumere i seguenti farmaci consigliati dal mio medico curante. Non so se il periodo e adatto e non so a che dosaggi prenderli, sono per lo più omeopatici.
OPC VITABASIX ANTIOSSIDANTE
Allergy n.29

Oppure mi limito ad un antiossidante per le difese immunitare? Consigliatemi qualcosa a riguardo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
il primo consiglio che mi sento di darle è di fare urgentemente una visita allergologica per chè i sintomi da lei lamentati fanno pensare ad una rinopatia allergica con asma bronchiale. Gli esami di fisiopatologia respiratoria, sono più complessi di una spirometria semplice, per cui quel risultato ostruzione lieve, andrebbe rivisto facendo un Test di provocazione alla metacolina,e/o un test di broncodilatazione al salbutamolo. Se allergico, questa condizione dura tutta la vita, e comporta con il passare del tempo, se non si fanno delle cure adeguate, un peggioramento progressivo. Detto questo veniamo ad esaminare la terapia consigliatale. Si evince subito come manchi uno steroide inalatorio nasale. L'antistaminico da solo fa il 50% del lavoro, che viene completato da spray nasali cortisonici e lavaggi nasali. Il Foster come ha notato è indispensabile, il numero delle dosi va verificato ogni 4 mesi, valutando la clinica e i quadri spirometrici. La rassicuro sull'uso cronico degli steroidi inalatori. Fermo restando che va sempre fatto un bilancio tra gli effetti positivi e gli eventuali eventi avversi, le sottolineo come i farmaci inalatori hanno un basso assorbimento sistemico, quindi con effetti collaterali sistemici trascurabili. Ma per ultimo , ma non ultimo, se lei è allergico c'è un modo per bloccare l'allergia e non dover assumere terapie per tutta la vita: i vaccini desensibilizzanti per le allergie