Utente 390XXX
Salve, da quasi 5 anni soffro di ipertensione arteriosa essenziale. Sia mio padre che mio nonno ne soffrono e ho sempre pensato che l'avessi anch'io per familiarità. Da circa 2 anni ho iniziato una terapia con ace inibitore (zofenopril 30 mg) e beta bloccante (bisoprololo 1,25 mg). Inizialmente la pressione si è livellata su valori normali, ma negli ultimi 6 mesi ho notato degli sbalzi soprattutto nella diastolica. Spesso il valore registrato gira attorno a 90. Preoccupato da questa situazione ne ho parlato con il mio medico curante che mi ha proposto di aumentare il bisoprololo a 2,5 mg appena il clima si farà più freddo. Nel frattempo ho effettuato una serie di analisi di laboratorio. In sostanza per quanto riguarda l'ematologia e la chimica clinica i valori sono pressoché perfetti. Ho effettuato la raccolta delle urine di 24 h e balza subito all'occhio che i valori di sodio, cloro e calcio sono bassi. Nel dettaglio il sodio urinario è di 48,1 mg/24 h, il cloro urinario è di 53,3 mEq/24 h e il calcio urinario è di 31,33 mg/24 h.
Ho presentato il risultato delle analisi al mio medico curante e mi ha detto che non c'è nulla di preoccupante e che fare una visita del nefrologo sarebbe superflua.
Sono rimasto un po' stupito da questa eccessiva superficialità anche perché da parte sua non ho avuto spiegazioni in merito.
Avevo pensato a una ritenzione idrica, considerando che nell'arco di 24 h ho bevuto quasi 5 litri di acqua e la diuresi è stata di 1.3 litri.
Adesso mi trovo nella situazione di non sapere che fare. Con questi valori dovrei fare una visita dal nefrologo per stare più tranquillo? Grazie in anticipo per la risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
I valori che hai riportato non sono preoccupanti, anche se insoliti. I casi sono due: o hai seguito rigorosamente il consiglio di seguire una dieta povera di sale; o veramente quel giorno i tuoi reni erano "in ritardo" nell'eliminare l'acqua e gli elettroliti, e magari nelle urine del giorno successivo avresti trovato valori più alti. Anche la proposta di salire a 2,5 mg al dì di Bisoprololo mi pare del tutto ragionevole.
Una cosa però non mi quadra; e ti chiedo: la diagnosi di ipertensione essenziale, la più comune, è stata basata solo sulla presenza di familiarità, o hai fatto accertamenti per valutare una possibile ipertensione "secondaria", e questi sono risultati negativi ?
[#2] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
Salve Dottore, innanzitutto la ringrazio per la risposta.
Il consiglio di seguire una dieta povera di sale lo sto seguendo da tempo ma non sono così tanto preciso da evitarlo completamente nella dieta.
La diagnosi di ipertensione essenziale mi fu fatta dal cardiologo 5 anni fa, in seguito ad una ecografia addominale, ad un ecocardiogramma e a delle analisi (tutti con esito negativo per l'ipertensione secondaria).
Mi disse che c'era questa tendenza alla pressione alta e mi consigliò di ricominciare a fare sport e a evitare il sale nella dieta. Da circa 2 anni i valori della pressione si sono alzati e il medico curante ha deciso di farmi iniziare questa terapia.
Dovrei eseguire qualche altro esame per escludere l'ipertensione secondaria?
Comunque a giorni rifarò la raccolta delle urine nelle 24 h, giusto per capire se i valori di quel giorno siano stati solo un caso.
Inoltre per quanto riguarda la proposta di salire a 2,5 mg di Bisoprololo, essendo asmatico, potrebbe causarmi dei problemi di respirazione?
Grazie per l'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
per il Bisoprololo... fra tutti i betabloccanti è forse quello che interferisce meno a livello polmonare.
Per la diagnosi... ho capito che è stata fatta in modo accurato.
Per la raccolta delle urine... oltre al sodio, e più che il calcio (per il quale anche il valore "basso" è normale) merita determinare il potassio !
Saluti
[#4] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
Egregio Dottore, ho appena ricevuto i risultati della raccolta delle urine nelle 24 h fatta qualche giorno fa per verificare che quei valori "insoliti" fossero stati solo un caso.
Ebbene si, i valori di sodio e cloro sono rientrati nella norma, mentre il calcio è rimasto basso. Inoltre ho controllato il potassio sia nelle precedenti analisi che in queste e i valori sono entrambi normali.
Anche la diuresi è stata più abbondante rispetto all'altra volta e questa mi conferma ancora di più ,come di lei, che i miei reni fossero in ritardo nell'eliminare acqua ed elettroliti.
La ringrazio per l'attenzione e il tempo dedicatomi, e le auguro buon lavoro.
[#5] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
OK. Tranquillo !