Utente 392XXX
Buongiorno soffro da alcuni mesi di un dolore acuto che si protrae dal gluteo destro fino al ginocchio ho fatto delle infiltrazioni e assunto farmaci cortisonici senza alcun beneficio ho quindi consultato un fisiatra che mi ha prescritto una RM il cui esito e' il seguente: Scoliosi lombare sinistro-convessa e discreti fenomeni degenerativo-artrosici intersomatici ed interapofisari lombari medio -inferiore, con fenomeni osteocondrosici in L5 - S1. Diffusa alterazione del segnale, di tipo degenerativo dei dischi intersomatici compresi tra L4 .L5 ed L5-S1 che risultano lievemente protrusi in ambito endospecale, si impegnano in parte in entrambi i forami neurali e presentano focalita' erniaria foraminale sn in L4 -L5.Lieve impegno foraminale dx del disco intersomatico compreso tra L3 - L4. Modifica ipertrofia delle apofisi articolari con secondaria lieve riduzione dei diametri canalari e dei neuroforami, piu' evidente a livello L3 -L4 destra ed L4 - L5 sn. Cono midollare normoposizionato, nei limiti per morfologia e segnale. Angioma osseo in D12.
RM Bacino
Note di coxoartrosi bilaterale in assenza di lesioni ossee a carattere focale.Lieve disomogeneita' di segnale del tratto inserzionale del tendine del muscolo medio gluteo di Dx, con associata imbibizione edematosa dei tessuti molli peritrocanterici, per entesopatia. Lieve irregolarita' e sclerosi per fenomeni degenerativi delle articolazioni sacro iliache bilateralmente, in assenza di immagini riferibili ad edema osseo. Non formazioni espansive in sede pelvica. Non versamento articolare.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
8% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Bisogna tenere ben presente che la RMN non ha nessun significato clinico da sé sola ma acquista rilievo solo quando va a completare la visita specialistica integrandosi con quanto emerso dall'esame clinico. Il referto descrive la presenza di alcuni elementi che potrebbero essere causa della sua sintomatologia, tuttavia senza averLa interrogata, ascoltata e visitata non è nemmeno pensabile che solo leggendo un referto RMN si possa decidere diagnosi e terapia. Dire "dolore acuto che si protrae dal gluteo destro fino al ginocchio" non fornisce nessuna informazione sulla reale sede del dolore, sulla sua tipologia, sulle sue caratteristiche, sulle modalità di insorgenza e di remissione, ecc. Il solo che può distinguere fra i vari elementi quello/i responsabile/i dei disturbi è lo specialista che L'ha visitata e ha prescritto la RMN, che serve esclusivamente a lui, e non "per vedere cosa c'è" ma per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta. Mostri quindi le immagini della RMN (e non il solo referto!) al medico fisiatra in modo da poter completare con esse la visita e decida il da farsi.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 392XXX

Iscritto dal 2015
Grazie Dottore il fisiatra che mi ha visitato ha confermato una lombosciatalgia con interessamento del trocantere mi e' stato prescritto un ciclo di 10 sedute di tecarterapia dalle quali ho avuto un leggero miglioramento il dolore pero' si acutizza se sto troppo in piedi o seduta. Mi e' stato consigliato di procedere con esercizi con la panca inversa che acquistero' per eseguirli a casa.

La ringrazio per la sua disponibilita' e le porgo i miei piu' cordiali saluti

G. P.