Utente 320XXX
Buongiorno, sono una donna di 48 anni,mi è successo più volte e ad intervalli sempre più brevi di avere forti dolori improvvisi al centro del torace questo si ripete da circa sei mesi, spesso mentre leggo un libro o sto china in avanti .Si scatenano fitte atroci che durano dai cinque ai dieci minuti poi un indolenzimento che si protrae per tutto il giorno.
Circa tre giorni fa improvvisamente senza alcuna ragione un dolore forte come un pugno allo stomaco salito al torace togliendomi la capacità di reggermi in piedi e di respirare per l'intensità. Ho già eseguito vari esami tra i quali ECG, ECG da sforzo vista la mia familiarità da parte materna di malattie cardiache e infartuati detti esami non hanno riscontrato patologie . Ma gli episodi come ripeto diventano sempre più frequenti . Vorrei capire se vi sono legami tra i sintomi e una qualche patologia coronarica . grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se ha fatto già la stratificazione cardiologica delcaso e tutto è risultato negativo non c'è motivo di continuare a pensare che lei possa soffrire di problemi coronarici...anche la sintomatologia che riferisce non è tipica e quindi direi che le cause del problema vanno ricercate altrove.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 320XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per il consulto, il mio medico insiste per farmi fare una TAC coronarica , ho sempre rimandato pensando come ha detto lei che i problemi erano da cercare altrove.In questi giorni però mio fratello che accusava gli stessi sintomi ha avuto un piccolo infarto, e ora è in attesa di eseguire due bypass . E sinceramente mi sono un po' spaventata.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ogni caso è a sè e non è possibile mettereli in correlazione...dipende anche dai fattori di rischio cardiovascolare dell'uno e dell'altra...comunque è bene che lei faccia riferimento a un cardiologo di fiducia che deciderà se sia il caso o meno di approfondire la diagnostica nel suo caso, perchè noi da lontano e senza visitarla non possiamo esserle di ulteriore aiuto.
Saluti