Utente 397XXX
Buongiorno,
Sono tra i 40 e 45 anni. Tempo fa un andrologo mi diagnosticò una disfunzione erettile di natura psicologica. A tutt'oggi sto usando il levitira con ottimi risultati dal punto di vista dell'erezione.
Da un punto di vista relazionale il farmaco, per una serie di motivazioni che per amore di sintesi non sto ad elencarvi, è stato un ostacolo, soprattutto per il fatto di doverlo prendere almeno mezz'ora prima del rapporto perdendo così la naturalezza. La nostra relazione proprio per questo motivo è terminata.
In base a questo chiedo a voi se la litrotissia peniena ad ultrasuoni è un intervento efficace contro le disfunzioni erettili in generale.
Volevo anche chiedervi se una volta fatto questo tipo di intervento non si possa più prendere il Levitra o farmaco simile ( sempre che l'andrologo lo ritenga opportuno) in quanto dannoso dopo questo tipo di operazione.
Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,se la diagnosi andrologica di disfunzione erettile psicogena é confermata (quanto tempo fa é stata posta?),credo che sia superfluo procedere con la neo angiogenesi indotta dalle onde d'urto.Ciò,in particolare,considerando che la terapia con vardenafil dà ottimi risultati.Piuttosto,anche per superare l'imbarazzo legato alla programmazione,consiglierei di valutare l'assunzione di un farmaco long acting (tadalafil 5 mg.).Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore per la sua chiarezza.
La prima diagnosi di disfunzione erettile psicologica fu 15 anni fa. Poi ribadita circa 5 anni fa da un secondo andrologo.
Ho provato anche il Cialis per ovviare alla programmazione, ma il risultato è che nel weekend la mia partner si sentiva come in obbligo di avere un rapporto sessuale il che rovinava tutto. Se omettevo di comunicarle l'assunzione lei se ne accorgeva comunque dal colore delle mie labbra.
Insomma con i farmaci vasodilatatori è stato un fallimento.
Ora come ultima spiaggia volevo provare con gli ultrasuoni ma non vorrei che a causa di uno sconvolgimento dei vasi sanguigni del pene, dato dall'operazione, non potessi più prendere il levitra (et similia) e diventare un impotente non curabile.
Per questo volevo avere delucidazione in merito a questa questione e circa la reale efficacia degli ultrasuoni..
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non esistono dati inoppugnabili circa l'efficacia delle onde d'urto nella DE.Prescindendo dagli aspetti economici,credo che,in presenza di una DE con diagnosi ribadita di genesi psicogena,possa essere giustificata una strategia combinata con lo psicosessuologo,al fine di coinvolgere anche la partner.Cordialità.