Utente 386XXX
Gentili dottori,

Ho trascorso circa un anno e 8 mesi negli Stati Uniti per lavoro, con conseguente alimentazione "americana" ricca inevitabilmente di grassi e zuccheri. Al mio rientro, dopo corca un mese, ho effettuato delle analisi del sangue per un controllo di routine e sono risultati alterati i seguenti valori:

ALT 120 U/l (10-41)
AST 58 U/l (10-38)
GGT 95 U/l (8-61)
Bilirubina diretta 0,31 mg/dl (0-0,20)

A seguito di tali valori mi è stato suggerito di eseguire una ecografia. Da questa non è risultato assolutamente nulla se non un "fegato debordante dall'arcata costale" ma nei limiti della norma (se risulta utile ricopio l'intero referto).

Ho poi ripetuto le analisi a distanza di oltre una settimana in un altro laboratorio (ero in un'altra città). Ve ne elenco i nuovi valori:

ALT 88 U/l (12-78)
AST 27 U/l (15-37)
GGT 102 U/l (5-85)
Bilirubina diretta 0,27 mg/dl (0.1-0,35)

Sono vaccinato per epatite A e B. Sono inoltre risultato negativo a mononucleosi, toxoplasmosi, citomegalovirus, epatite C.
Aggiungo che ho 26 anni, non fumo né faccio abuso di alcool, sebbene in America mi sia capitato di bere circa 5 birre a settimana (cosa che assolutamente non facevo in Italia).
Inoltre non ho alcun sintomo (dolori, fastdi, ittero, feci chiare)

In generale, sono valori preoccupanti? Come mai da laboratorio a laboratorio i valori di riferimento cambiano così tanto e come posso confrontare i due esami?
A febbraio ripeterò nuovamente le analisi; nel mentre sto cercando di astenermi da grassi e alcol. Avete qualche suggerimento per me?

Cordialmente.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se lei ha fatto l'americanata di bere alcool, di cosa si meraviglia se poi trova alterati gli indici di epatonecrosi?
Il fegato debordante all'arco è una diagnosi clinica non ecografica: se vuole posti il referto e vediamo se non abbia una steatosi epatica.
In ogni caso i valori che posta non sono preoccupanti: smetta di bere alcool e vedrà che il suo pattern epatico tornerà nella norma.
Consigli: dieta mediterranea con giusto rapporto grassi/carboidrati/proteine, preferendo i grassi insaturi ( pollame e pesce). Frutta e verdura e ovviamente l'astensione dal fumo.
Saluti,
Dr.Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera Dottore,

La ringrazio per la sua risposta.
Le riporto il referto dell'ecografia:
"L'esame ecografico mostra il fegato in sede, debordante dall'arcata costale, con diam. long. max nei limiti della norma e pari a 13,3 cm.
L'ecostruttura interna risulta conservata. Assenza di formazioni occupanti spazio. Porta regolare per calibro, con diam max di 1,0 cm. Il flusso è epatopeto e con v.m. nei limiti fisiologici e di 25.8 cm/sec.
Regolare aspetto trifasico del profilo spettrale delle vene sovraepatiche che appaiono pervie e non ectasiche.
Colecisti in sede, a contenuto omogeneo. Assenza nel suo lume di immagini ecogene da riferire a calcoli o a patologia espansiva.
Vie biliari intraepatiche non ectasiche.
VBP regolare, con cal. max di 0,2 cm
Milza in sede a contorni conservati, con diam longitudinale max di 9,1cm.
L'ecostruttura interna risulta conservata. Assenza di ectasia dei vasi perilari.
Assenza di liquido libero a livello addominale."

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
si tratta di un'Ecografia perfettamente normale.
Torni alle sue abitudini dietetiche solite e ripeta gli esami tra un mese.
Nel frattempo sia tranquillo.
Saluti,
Dr. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio dottore. Proseguirò allora con la dieta.

Buon lavoro