Utente 327XXX
Egregi dottori , come si evince dallo storico dei miei consulti mi e' stato diagnosticato un ipogonadismo secondario che e' trattato ocn Nebid ogni 10 settimane.
La terapia ha migliorato molti aspetti della mia vita sessuale ed in generale fisica .
resta pero' un fastidioso sintomo sul quale ho divergenze di vedute con il mio endocrinologo.
Come da oggetto del consulto ho spesso la sensazioni di un pene freddo, con scarsa sensibilita' ( soffro anche di eiaculazione ritardata ma questo e' altro discorso) con il glande violaceo e dinoltre l'organo e' sempre raggrinzito e retratto anche in situazioni di caldo e al massimo della tranquillita'
Questi sintomi scompaiono con l'assunzione di cialis che mi consente tra l'altro di ottenere delle buone erezioni ( sembra qundi che il solo testosterone non basti)
Aggiungo un particolare importante, sembra che io non reagisca alle altre molecole con azione piu' rapida ma meno prolungata.
Il mio medico, noto endocrinologo , mi dice che la mia sintomatologia e' correlata al tempo in cui il disordine ormonale e' stato presente.
Se e' cosi' credo sia da sempre anche perche' il mio ipogonadismo e' congenito anche se non ho evidenze su questo ma posso dire che la mia puberta' e' stata aiutata a suo tempo dall 'uso di testosterone e gonodotropine.
Quando prendo il cialis 5 mg una volta al giorno il pene diventa piu' vivo , piu' sensibile, e anche la sindrome da spogliatoio svanisce ( allora sindrome da spogliatoio non e'?)
Lo stesso medico mi dice che e' inutile sottopormi ad ecodoppler in quanto non si evidenzierebbe nulla e comunque la terapia di una insuifficianza arteriosa peniena sarebbe comunque il cialis.
Su questi aspetto chiedo il Vs parere :

-Quanto afferma il mio medico circa la causa della mia sintomatologia e' da considerarsi condivisibile?

-A Vs avviso devo sottopormi ad altri esami ?

-Il nebid andrebbe integrato con altri farmaci ? (ad esempio ho letto che l'arginina migliora la circolazione a riposo nel pene)

Grazie in anticipo delle Vs risposte
[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.mo utente

direi che il suo endocrinologo le ha dato le giuste indicazioni, infatti il calo di testosterone è trattato con il Nebid che le ha aumentato la libido e migliorato la sintomatologia secondaria, mentre per gli inibitori della fosfodiesterasi 5, se la sua risposta è migliore con il cialis continui in questa direzione provando eventualmente ad assumerlo a giorni alterni per limitarne i costi, altri esami non servono, come non serve utilizzare altri principi attivi.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissimo Dr. Maretti,
La ringrazio per la pronta risposta.
Volevo chiederle se a suo avviso il fatto che, nonstante il nebid, il mo pene sia freddo , raggarinzito e poco sensibile sia dovuto all' ipogonadismo e se col tempo migliorera'
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la risposta definitiva è possibile solo attraverso la visita e comunque l'ipogonadismo può aver contribuito.

Ancora cordialità