Utente 395XXX
Buongiorno,
sono affetto da valvola Aortica bicuspide sotto controllo semestrale.
Prendo CARDICOR 1,25 mg.
Il cardiologo sulla base del ultimo controllo effettuato ha deciso di passare ad un controllo semestrale invece che annuale.
Mi è stato specificato che uno dei lembi è prolassato per cui la valvola non chiude più in modo ermetico.
Mi è già chiaro che essendo giovane dovrò sicuramente sostituire la valvola in futuro ed il cardiologo mi ha assicurato che l intervento non comporta rischi e risolverà il problema definitivamente.
Nel frattempo la situazione va monitorata ogni sei mesi.
Il cardiologo mi ha poi dato le dovute raccomandazioni:

1) Evitare sforzi
2) Controllo pressorio frequente con annotazione su taccuino
3) Attenzione a fenomeni di Dispnea
4) Alimentazione regolare
5) Attenzione all emotività in quanto sono una persona molto ansiosa e questo gioca a mio sfavore

Ora la domanda che vi pongo è questa: il mio cardiologo ha sottolineato in modo marcatissimo la Dispnea, ma ci possono essere altri sintomi fisici che possono comparire nel mio caso particolare dí prolasso oppure effettivamente la Dispnea è l unico sintomo a cui dover prestare attenzione?

Faccio un esempio, possono verificarsi dolori toracici? Se si, dove si andrebbero a localizzare e con quale intensità?

La mia richiesta nasce dal fatto di poter essere il più attento possibile.

Attualmente la mia pressione arteriosa è perfetta: 123/60 con 63 pulsazioni misurata sempre al mattino.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dosaggio del cardicor che sta assumendo, relazionato al suo peso e' un dosaggio...da criceti.
Non vedo motivi , se la situazione ecografica e' quella che lei segnala, di procrastinare l'intervento.
Quindi le consiglierei di rivolgersi ad un buon centro di cardiochirurgia per valutare che tipo di intervento progremmare in un prossimio futuro.
Nel frattempo assuma antibiotici in caso di manipolazioni dentarie oppure esami endoscopici (colonscopia, etc).

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio della risposta dottore,
sicuramente consulterò un cardiochirurgo per valutare la situazione.
Attualmente mi dimostro totalmente asintomatico
Vorrei sapere però, nell attesa di una valutazione cardiochirurgica, e per una questione di riuscire a riconoscere quelli che possano essere sintomi relazionati alla mia patologia da riferire al medico in questa fase, se la mia attenzione va focalizzata solo su fenomeni di dispnea oppure ci sono altre fenomenologie che possono comparire?

Grazie sin da ora del suo supporto.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Purtroppo la insufficienza aortica decorre silente per decenni: la comparsa di dispnea avviene solo quando i volumi ventricolarui sinistri e la pressione telediastolica ventricolare sinistra sono cosi' avanzati che anche l'intervento chirurgico, pur risolvendo idraulicamente il problema , non modica spesso la prognosi.

Ecco perche deve essere incoraggiato ad operarsi il paziente affetto da insufficienza valvolare aortica: proprio perche'0 NON ha sintomi fino alla comparsa di sintomi molto gravi.
Non e' un peggioramento graduale in termini di sintomatologia: il paziente sta benissimo fino a quando non sta malissimo.

Arrivederci

cecchini