Utente 235XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 27 anni che da 7 anni soffre d'ansia (sono in cura da una psicoterapeuta), questo mi ha portato ad avere problemi gastrointestinali (dolore di stomaco, gonfiore dopo i pasti), alla cervicale a causa della tensione muscolare, ma sopratutto ed è la cosa che mi preoccupa di più la comparsa di extrasistoli e nei periodi più stressanti un po di battito accelerato (85/90 al minuto). In questi anni ho fatto tutti gli esami del caso: ecg, eco color doppler, prova sotto sforzo e holter 24 h.
Non è risultata nessuna patologia, solo un piccolissimo prolasso della mitrale. Ormai con le extrasistoli sto imparando a conviverci ma ogni tanto mi capita qualcosa di diverso, l'ultima volta è successo ieri (ero seduto davanti al computer), cosi di punto in bianco il cuore fa tre/quattro palpitazioni irregolari tra loro una dietro l'altra ed avverto una forte sensazione di chiusura nella bocca dello stomaco con una specie di calore o comunque qualcosa che da li si irradia verso tutto il corpo (è difficile da spiegare come sensazione) il tutto dura 1 o 2 secondi poi torna nella normalità. La prima volta lo avvertii nel 2013, dopo quell'episodio andai dal cardiologo (spiegai il tutto) e ipotizzò possa essere stato extasistolia sopraventricolare ripetitiva o tpsv non sostenuta. Da quella volta mi capita ogni tanto, passano anche mesi, mai nella stessa situazione, mi è capitato dopo aver mangiato ed essermi seduto al computer, salendo le scale, mentre mangiavo o mentre ero in intimità con la mia ragazza. E' difficile da monitorare perchè dovrei avere la "fortuna" che mi venga mentre sto facendo un ecg o un holter. Vorrei avere un Vostro parere su cosa potrebbe essere, perchè non è il classico sintomo delle extrasistoli che ormai conosco benissimo.
Grazie in anticipo per la Vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
mi pare che con il suo psicoterapeuta le cose non vadano meglio dal punto di vista della ansia
perche di ansia si tratta, ed é forse é giunto il momento di trattarla farmacologicamente

arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la Sua celere risposta, per un periodo ho assunto lo xanax ma non ha dato un grande risultato, come Le ripeto sto incominciando a conviverci ma quando avverto questo nuovo sintomo mi spavento perchè non è come i soliti. E' come se il cuore impazzisse nella frazione di pochi secondi. Sono spaventato perchè questo sintomo è "nuovo" ed avviene ogni tanto dal nulla. Non rientra nella "normalità" dei sintomi giornalieri che avverto delle extrasistoli come il senso di vuoto al petto, il battito mancato con il successivo più "forte", lo sdoppiamento del battito.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lo xanax non cura l'ansia, e' un sintomatico.
Ritengo che lei richieda ben altre terapie farmacologiche che uno psichiatra le potrebbe prescrivere.
Arrivederci

cecchini