Utente 402XXX
Salve,
ho 27 anni e da circa un anno soffro di episodi di tachicardia, accompagnati a un senso di costrizione alla gola e mancanza d'aria. Premetto che sto vivendo un periodo di particolare stress legato ad un lutto familiare recente, ma i problemi sono nati in un periodo di relativa tranquillità e si sono protratti quasi senza interruzione da febbraio 2015 ad oggi.
Gli episodi possono manifestarsi in qualunque momento, ma il problema diventa più acuto nei 10/7 giorni precedenti al ciclo mestruale, per poi attenuarsi una volta che inizia la mestruazione (senza però sparire mai completamente). Inizialmente capitavano più di rado, mentre ora la situazione è decisamente peggiorata e in alcuni momenti questi problemi condizionano le mie attività quotidiane, costringendomi a distendermi, ovunque mi trovi, anche per un'ora.
Le analisi del sangue sono regolari, anche i valori relativi alla tiroide. Ho fatto un cardiogramma che risulta nella norma e anche gli accertamenti ginecologici non hanno evidenziato niente di anomalo. Ritendendo che i disturbi siano collegabili a una sindrome premestruale particolarmente acuta (di cui però fino a un anno fa non ho mai sofferto!) mi è stata prescritta la pillola anticoncezionale Zoely, che assumo da due settimane e che, a detta del ginecolgo dovrebbe aiutarmi almeno in parte. Per la tachicardia però, il ginecologo mi ha consigliato una visita cardiologica più approfondita cui mi sottoporrò la settimana prossima.
In attesa di sottopormi alla visita vorrei sapere se, eventualmente, ci siano delle soluzioni da affiancare a pillola, magari qualcosa da assumere al bisogno.
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La situazione stressante che lei descrive puo' da sola spiegare gli episodi di tachicardia, che seppur banali, possono essere fastidiosi.
A parte una blanda terapia ansiolitica che sicuramente le gioverebbe , consulti il suo Medico per valutare la opportunita' di piccole dosi di beta bloccanti.

Arrivederci

cecchini