Utente 407XXX
Salve dottori, e grazie in anticipo per il tempo che mi dedicherete..
ho 23 anni e sono affetto da un tumore al testicolo ,sacco del vitellino..
dopo l operazione per la rimozione del testicolo alla tac con metodo di contrasto si vedono metastasi ai polmoni e un linfonodo in sede carenale..
da li inizia il mio calvario...
chemioterapia schema p.e.b alla fine dei 2 cicli si effettua la tac metodo di contrasto, e tutto sembra non cambiare...il dottore prescrive una pet , e dalla pet si vede che tutte le metastasi sono prive di attivita' metabolica tranne una molto piccola , in alto del polmone destro..
il dottore prescrive altri 2 cicli peb omettendo la bleomicina alla fine..
alla fine di questi altri 2 cicli la tac (eseguita giorno 14 marzo) mostra una diminuizione del 30 % delle metastasi...alcune scompaiono, altre si rimpiccioliscono..
alla pet (eseguita 25 marzo) invece si nota che la metastasi prima attiva , diventa piu' grande e continua ad essere attiva...si evince anche un altra metastasi molto rimpicciolita dopo la chemio ma e' in grado di assorbire il liquido radioattivo...
mi consigliano di eseguire una metastasectomia...e mi mandano a roma dal prof. granone e tra 10 giorni dovrebbe essere eseguita..
vi prego datemi qualche consiglio e ditemi essendo la recidiva alta come devo comportarmi se ritorna...
vi elenco i miei marker tumorali:
prima dell intervento al testicolo afp 1301 hcg 12130
dopo l intervento al testicolo afp 45,70 hcg 18646
dopo 2 cicli di chemio afp 2.10 hcg 80.90
dopo altri 2 cicli di chemio 2.40 hcg 520
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le consiglierei di ripostare in area UROLOGIA

Tanti saluti