Utente 408XXX
salve
sono incinta alla 21' settimana, ho un piccolo fastidio sotto la pancia e per questo mi hanno prescritto di prendere monuril 2 bustine e fluomizin. Sono preoccupata di far male al
bambino in quanto il fastidio e molto sopportabile.
si possono assumere in gravidanza questi farmaci senza problemi per il bambino?
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se il sospetto è quello di una infezione delle vie urinarie , associata ad una infezione vaginale la terapia potrebbe anche andare bene , ma se invece è stata prescritta senza una circostanziata diagnosi , non sono d'accordo.
Una urinocoltura, un esame batteriologico a fresco del fluor vaginale , diventano essenziali .
SALUTI
Nicola Blasi
[#2] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
il ginecologo tramite un attrezzo di plastica ha aperto toccando la vescica provocando dolore,
chiedendomi se era lo stesso dolore che avvertivo in modo lieve, ed io ho confermato.
Io ho molta paura perche essendo antibiotici possano far male alla mia bambina.
dottore lei cosa mi consiglia?
distinti saluti
[#3] dopo  
Dr.ssa Nicoletta Cotrozzi
20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Il Monuril viene largamente utilizzato in ostetricia perchè nessuno studio effettuato ha mai dimostrato che sia tossico per il feto... Quindi direi che puo' stare tranquilla! Idem per la terapia vaginale! In ogni caso se il fastidio dovesse persistere farei anche io un'urinocoltura e un tampone vaginale per accertare che non ci siano infezioni potenzialmente pericolose (alcune infezioni batteriche possono provocare la rottura delle membrane e un parto pretermine).
Distinti saluti
[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In gravidanza va sempre eseguita una terapia mirata , dopo una urinocoltura con eventuale antibiogramma.
Dopo la terapia a distanza di 7 giorni dalla fine della terapia va ripetuta l'urinocoltura.
SALUTI
Nicola Blasi