Utente 315XXX
Mio padre, 74 anni ex fumatore (ha smesso da 3 anni), in cura per ipertensione fino al 2015 con losartan 100 e amlodipina 10. A seguito di gonfiore alle caviglie, su consiglio di un reumatologo, amlodipina è stata sospesa , il gonfiore è sparito e la cura è stata sostituita unicamente con losartan 100/25. Essendo insufficiente il cardiologo ha consigliato di aggiungere doxazosin 2 mg la sera. Questo farmaco ha prodotto da subito mal di testa, capogiri e battito cardiaco forte e fastidioso. È possibile che questo farmaco produca questi effetti? Chiedo consiglio a voi perché il medico di base mi ha consigliato una visita specialistica e lo specialista non ha risolto il problema ma forse lo ha peggiorato.
Grazie per il prezioso servizio offerto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La doxazosina e' un farmaco che non prescriveri di certo ad un uomo giovane:
- puo' dare deficit di erezione
- facilita la ipotensione ortostatica.

Cosi come non impiegherei un farmaco che contenga 25 mg di idroclorotiazide come quello che sta assumendo assieme al losartan:
- spesso da defict di erezione
- spesso, se il paziente non assume 1,5-2 litri di acqua va incontro a riduzione della funzione renale e disidratazione

L'effetto dell'amlodipina sugli edemio declivi e' estetico, anche se fastidioso. Solitamente bastanop piccole dosi di antialdosteronico ed una abolizione del sale aggiunto nella dieta per risolvere il problema

la saluto

cecchini
[#2] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Grazie dottore per la risposta. Lei mi parla di persona giovane ma il paziente è mio padre di 74 anni. Comunque a parte ciò lei mi è di grande aiuto perché se ho capito bene mio padre potrebbe tornare ad assumere losartan 100 e amlodipina 10 associando un antialdosteronico evitando così il gonfiore alle caviglie?
Se me lo conferma ne vado a parlare subito con il medico di base e lo specialista che lo ha visitato.
grazie ancora di cuore.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Beh certo non e' lecito ne' intelligente prescrivere terapie a pazienti che non si sono visitati.
Ma queste nozioni sono presenti in ogni testo di cardiologia.
Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Ha ragione. Ma non mi sembra molto intelligente anche uno specialista pagato per essere tale e che non ti indirizzi nuovamente verso una terapia che funzionava a meraviglia ma che dava il problema del gonfiore se la cosa poteva essere risolta solamente con l'aggiunta di un antialdosteronico.
Mi è stato di grande aiuto.
cordialmente la saluto.
[#5] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Caro Dott. scusi se la disturbo nuovamente.
Mi sono recato dalla specialista che aveva prescritto la doxazosina a mio padre.
Quest'ultima è stata sostituita con una cpr da 10 mg di lercanidipina (il medico in questione sostiene che da meno problemi di gonfiore alle caviglie rispetto alla amlodipina).
Il losartan ha consigliato di prenderlo ancora con il diuretico (100/25) e solo se le caviglie si gonfiassero di provare ad aggiungere l'antialdosteronico sostenendo che altrimenti si rischia l'innalzamento del potassio.
Cosa ne pensa?
Grazie ancora.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Puo' darsi che la lercanidipina produca meno edemi della amlodipina (semmai la barnidipina ha questo minore effetto).
Detto questo ripeto cio' che ho detto circa la somministrazione di farmaci contenenti sartano+ idroclorotiazide ad elevato dosaggio.

E' vero che l'aggiunta di un antialdosteronico potrebbe aumentare la potassemia in associazione col sartanico .ma la sconsiderata dose di idroclorotiazide che le hanno prescritto certo non le fara' questo rischio.

In altre parole mi pare che stiano cercando di controbattere un edema prodotto da farmaci con altri farmaci con effetti indesiderati.

Questo dico, anche se permettera' che non si possono certo curare pazienti mai visti neppure negli occhi, e questo non solo perche' il regolamento del sito lo vieti, ma anche e soprattutto per motivi di intellidenza.

Con questo la saluto
cecchini
[#7] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Certo non si possono curare pazienti mai visti negli occhi.
Però lei mi da informazioni che poi sfrutto quando parlo con il medico in questione che ad esempio non mi ha parlato della barnidipina.
Detto ciò pure non essendo un medico la logica mi dice che la cosa migliore sarebbe provare losartan più lercanidipina (o barnidipina) togliendo il diuretico e sperando che le caviglie non si gonfino. Se si gonfiano provare ad aggiungere anche l'antialdosteronico(tenendo controllato il livello di potassio con esami del sangue).
Grazie dottore.