Utente 416XXX
Buonasera,

Innanzitutto ringrazio, e accetto, qualsiasi parere medico da voi ipotizzato.

Sono un ragazzo di 23 anni, 172 cm - 57 kg, che due settimane fa ha contratto il suo primo attacco di panico, durante il quale percepivo vampate di calore e un piccolo formicolio alle dite del braccio sinistro.
Recatomi al PS mi è stato eseguito una piccola visita ed eseguito un ECG, il quale è risultato negativo.

In queste ultime due settimane ho continuato ad avere momenti d'ansia, anche piuttosto importanti,  ma non mi sono più presentato al PS.

Ieri dopo aver letto su internet che alcuni ragazzi della mia stessa età sono morti per "morte improvvisa" mi sono agitato nuovamente anche perché il giorno prima durante un piccolo allenamento, il quale consisteva in una serie di flessioni, ho avvertito un dolore puntuale pacco sotto il pettorale sinistro e una scossa al braccio.

Al PS non mi è stata nemmeno eseguita la visita e mi è stato detto che l'unica cosa che avrei dovuto fare è prendermi una vacanza dallo studio.

Dopo questa premessa vi chiedo se devo eseguire qualche esame più specifico, anche perché domenica scorsa, durante un altro attacco di panico, ho avvertito il cuore battere più velocemente seppur per pochi secondi, oppure mi devo tranquillazare come mi è stato detto sia dal medico curante sia dai medici del PS.

Mi ero dimenticato di scrivere che 3 anni fa per un sospetto soffio al cuore mi era stato eseguito un ecg, andato a buon fine, e un ecocolordoppler, a buon fine anche questo, e che abitualmente, 3 volte a settimana, eseguo allenamenti in palestra piuttosto pesanti a causa del numero di serie elevato e riposo tra una serie e l'altra molto ridotto, 45 secondi, eseguiti da sempre senza particolari problemi.

Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Dagli esami che ha gia' eseguito pare che il suo cuore sia normale.
Ed i sintomi che lei descrive sono certamente di natura ansiosa.
La sua possibilita' di avere un arresto cardiaco e' dunque estremamente improbabile, anche se, ovviamente, non pari a zero, come tutti.
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sarò sincero come chiede.
1) il dolore che ha avvertito durante le flessioni non ha le caratteristiche di un dolore cardiaco
2) Purtroppo non esistono esami che possano scongiurare la morte improvvisa o morte aritmica che riguarda tutti, me più di lei. A meno che uno non abbia patologie che predispongono alle aritmie ventricolari ma non è il suo caso.
3)Lei fa troppa attività fisica: questo non è benefico per il cuore, che tende nel tempo a aumentare le pareti del ventricolo sn e a diminuire la sua elasticità realizzando il più noto "cuore di atleta" che è una patologia. Le statistiche parlano chiaro.
4) l'Attività fisica migliore è quella aerobica fuori dalla palestra: le camminate, qualche breve corsa, la bicicletta per muoversi e andare a fare la spesa, l'uso minimo dell'automobile.....Fermandosi sempre quando si è stanchi. Impariamo dagli animali che sono più attenti al loro benessere di noi, perché a un cane di avere "la tartaruga" non gli importa nulla.
5)se intende continuare a svolgere sport intenso deve fare, almeno una vota all'anno, un ecocardiogramma color doppler e un test da sforzo massimale. Anche se non fa attività agonistica ufficialmente.
6)Se gli attacchi di panico e l'ansia si sono presentate da poco è il momento migliore per aggredirle farmacologicamente: ciò è pertinenza non del cardiologo ma dello psichiatra e successivamente dello psicoterapeuta. Diversamente il disturbo cronicizzerà e la sua vita ne sarà condizionata.
Questi sono i consigli che le si possono fornire telematicamente: ne faccia buon uso, se vuole. La vita e il cuore sono in fondo suoi.
Saluti,
Dott. Caldarola.

[#3] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Innanzitutto vi ringrazio per le risposte tempestive.

In ogni caso oltre all'attività in palestra svolgo anche attività meno stressanti come camminare, esempio quando devo andare a studiare in biblioteca vado sempre a piedi evitando l'uso di mezzi. Inoltre colgo i consigli e inizierò a svolgere allenamenti più "unani" anche se devo dire che ultimamente, anche a causa del caldo, quest'ultimi sono meno frequenti.

In chiusura vi ringrazio nuovamente,

Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Buonasera dottori,

A distanza di qualche settimana vi informo che ho seguito i vostri consigli riguardo l'attività fisica migliore per il mio corpo ed ho eseguito un ecocolordoppler mediante il quale il cardiologo mi ha riferito essere tutto nelle norma con un FE pari al 60%.

Vi scrivo anche per informarvi che, in seguito ad un altro attacco di panico, mi sono dovuto recare nuovamente al PS dove mi è stata riscontrata una pulsazione di 125 bmp appena entrato e di una pari a 107 bmp durante l'alttrocardiogramma che mi è stato eseguito pochi minuti dopo.

Vi volevo chiedere se questi "sbalzi" di frequenza cardiaca sono pericolosi per la mia salute.

Cordiali Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No , non lo sono.
Arrivederci
cecchini
[#6] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio, mi ero spaventato anche perché alcune volte sento il battito in gola. Nei prossimi giorni dovrei eseguire, sotto consiglio del medico, le analisi del sangue per controllare se la tiroide è funzionante correttamente.

Cordiali Saluti.