Utente 322XXX
Buongiorno, mi chiamo Andrea Olivares.

Da più o meno 6 mesi ho problemi ad un molare identificato con il numero 17.

A Gennaio mi sono accorto che mi faceva un leggero male, non quando mangiavo o masticavo. Sono andato dal mio dentista di fiducia e mi ha detto, dopo radiografia, che avevo una microcarie interna. Fatto l'intervento non ho avuto più dolori per almeno 2 settimane.

Poi il dolore è tornato pesantemente e non riuscivo più a masticare in quel punto sotto al dente era impossibile porvi un qualsiasi cibo croccante o molle che fosse.

Sono tornato dal dentista e dopo un'attenta analisi e un'altra radiografia ha riscontrato che non vi era interessamento del nervo dovuto all'otturazione o infezioni di vario tipo da giustificare un qualsiasi intervento.

A questo punto ho preso degli anti dolorifici/infiammatori ma il dolore non passava. All'ennesimo controllo rilevo una forte sensibilità al caldo e al freddo.

a questo punto su consiglio del mio dentista, ragazzo giovane ma con tanta esperienza e molto qualificato, mi ha detto che c'era la necessità di devitalizzare il dente.

Dopo l'intervento tutto ok, ho avuto tanto dolore il giorno dopo ma non quando mangiavo e poi il dolore è scomparso completamente.

Un mese dopo il dolore si ripresenta sempre lo stesso ma senza dolore mentre mastico qualsiasi cosa. Mi fa semplicemente male e non lo sento neanche pulsare sotto sforzo o altro.

Non c'è contatto con i denti del giudizio. Non ci sono infezioni batteriche ne ci sono altre carie o rotture del dente, inoltre non vi è una paradontite per effetuare una pulizia più approfondita. Bruxismo è stato escluso e anche la presenza di cisti o granulomi. La gengiva è rosea e non presenta gonfiori

cosa potrebbe essere?

Se ci fosse un'altra soluzione vi ringrazio. Lunedi tornerò comunque dal dentista

Grazie
Andrea

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
dando x scontato che quanto da lei riferito sia corretto ( ovviamente dipende da quanto Le è stato detto ) ed escludendo anche una microfrattura che comunque dovrebbe evidenziarsi in futuro potrebbe essere un punto trigger e quindi un dolore di origine diversa
chieda un parere ad un collega gnatologo
cordali saluti