Utente 851XXX
gentilissimi dottori, sono stato da poco dichiarato non idoneo al servizio militare perchè soggetto ad allergopatia (risultante dagli ige tot e specifici per acari e paretarie).
Premetto che le allergie in questione al massimo mi hanno provocato rinite e lacrimazione, ma nessuna crisi asmatica o altro.
La motivazione adotta è stata che tali allergie compromettono la mia piena capacità respiratoria e il fatto che nel mio "habitat" non mi abbiano arrecato che semplici riniti non esclude che in condizioni estreme non possano peggiorare addirittura in crisi respiratorie.
La mia domanda è: non esiste una qualche sorta di test che attesti la non influenza delle mie allergie sulla qualità della mia vita e quindi sul perseguimento del servizio militare? è cosa certa che le mie allergie possano peggiorare in condizioni "estreme"(anche se il servizio ke sarei kiamato a svolgere non comporta situazioni estreme... sono cavilli concorsuali purtroppo!!)? non esiste qualke test ke ne possa provare il contrario? voglio capire se posso avere qualche chance con un ricorso al TAR
ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile paziente,
I parametri decisi dalle autorità militari per stabilire l'idoneità alla mansione lavorativa non necessariamente ricalcano quelli utilizzati per valutare i civili. Negli intenti del legislatore c'è l'intento di escludere non solo i malati al momento dell'arruolamento ma, anche i soggetti con maggiori probabilità di ammalare di una qualche malattia come avviene nel caso di pazienti che presentano una qualche sensibilizzazione allergica. Ad ogni modo, malgrado le regole militari siano, per la mia esperienza, difficilmente appellabili, potrà addurre dei test di funzionalità respiratoria nasale (rinomanometria) e bronchiale (test di broncostimolazione aspecifica con metacolina). Questi test potrebbero essere dei validi supporti alla tesi della scarsa incidenza delle sue sensibilizzazioni allergiche sulla funzionalità respiratoria attuale. Non hanno, però, alcun valore predittivo sullo sviluppo, o meno, di una malattia allergica respiratoria in futuro.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 851XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio per il suo tempo e per avermi lasciato un barlume di speranza! sentitamente ringrazio lei e lo staff di questo utilissimo e serissimo forum.