Utente 420XXX
Buongiorno, vorrei porvi una domanda in merito all'eiaculazione precoce. Ho appena compiuto 19 anni e ho notato una certa variabilità nei miei tempi di eiculazione. In alcuni casi duro abbastanza (o almeno credo) sotto le lenzuola (dai 20 ai 30 minuti anche ), ma in altri ho l'impressione di durare decisamente meno (7-10 minuti circa). Ho inoltre notato che le volte in cui duro di più coincidono con i casi in cui mi sento sereno e senza preoccupazioni durante il rapporto, mentre le volte in cui duro di meno coicidono quasi sempre con casi in cui sono meno sereno..ad esempio, la settimana scorsa sono stato per 7 giorni in grecia con la mia ragazza e non ho avuto problemi di nessun tipo, anzi..aggiungo che se voglio sono in grado di ritardare l'eiaculazione (ad esempio rallentando un poco) . Poiché mi sto curando per prostatite e so che questa malattia può portare come sintomo l'eiaculazione precoce (oltre alla disfunzione erettile della quale invece non di soffro minimamente), mi sono chiesto se questa variabilità nei tempi eiaculatori potesse esservi collegata. Ma, facendo riferimento alla cincidenza tra la componente psicologica e i risultati nei tempi di eiaculazione sopra descritti, mi sono rassicurato, pensando che, nel caso in cui la causa fosse la prostatite, dovrei avere tali problemi anche quando mi sento più "tranquillo". Mi confermate che il mio pensiero è giusto?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,é la terza volta in due giorni che ripropone il medesimo quesito,cui é stata data risposta.Cordialità.