Utente 252XXX
Salve,
sono un ragazzo di 30 anni, in leggero sovrappeso e soffro da qualche anno di reflusso gastroesofageo che mi porta bruciore, gonfiore addominale e cattiva digestione, oltre che probabile ernia iatale, accertati mediante gastroscopia.
E' da una decina di gg che soffro durante le ore notturne, soprattutto nella seconda metà della notte, di forte mal di schiena notturno, soprattutto nella zona inferiore. Dopo qualche ora dal risveglio il dolore scompare quasi del tutto e mi sento solo un pò indolensito.
Premetto che sulle malattie sono abbastanza ansioso e ho letto su internet che il mal di schiena notturno potrebbero essere sintomo anche di patologie oncologiche molto gravi. In questi giorni avverto anche nausea e stanchezza e pertanto mi sto suggestionando molto sulla diagnosi.
Pertanto vorrei ricevere se possibile un parere sulle possibili cause e se è possibile escludere patologie gravi.

In attesa di un vs sollecito riscontro.

Grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Ma quali malattie oncologiche!
Siamo arrivati al punto che per un foruncolo di pensa ad un carcinoma squamocellulare.....
Faccia un RX lombosacrale perchè lei è alto ed è sovrappeso e quindi la sua colonna, specie nella parte terminale, è sottoposta a uno stress importante insieme alla muscolatura associata.
Non ho capito: lei dice che soffre di reflusso accertato con gastroscopia che le porta bruciore e "probabile ernia iatale".
Mi spiega che significa è l'ernia iatale che si accerta e che può provocare il reflusso e non il contrario......
Metta in conto di perdere peso mangiando di meno e muovendosi di più.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta.
Non capisco però perchè il mal di schiena così fastidioso al punto da non farmi dormire nelle ultime ore di sonno compare solo di notte, magari lei potrebbe aiutarmi a capire. Inoltre in questi giorno avverto affaticamento e vari dolori articolari, tra cui uno particolarmente fastidiosa poco sopra il fondoschiena nella parte destra in basso. Devo preoccuparmi secondo lei ?

Quanto all'ernia, è stata segnalata la presenza di ernia iatale ma mi dicevano che parte dei disturbi digestivi dipende anche da fattori psicosomatici.

In attesa di un suo riscontro.

Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se non fa una RX del rachide lombosacrale in 2P possiamo stare giorni a parlare di aria fritta.
Se avverte afaticamento e dolori articolari diffusi il quadro cambia e necessita anche della valutazione degli indici di flogosi e di attività reumatica.
Ma queste cose le deve dire al suo Curante: io posso dare a lei degli input ma non posso obbligare il suo medico a pensare come me o a scrivere gli esami che ritengo opportuni.
E' una questione di buon senso prima che deontologica.
Se lei ha un'ernia iatale con una MRGE deve curare la MRGE e deve curarla bene.
Non si può sempre spiegare tutto con l'ansia.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Assolutamente mi recherò dal medico curante e vedrò cosa mi suggerisce, oltre ad fare RX e anche analisi del sangue.
Volevo solo scongiurare, se possibile e vista la mia propensione all'ipocondria, il rischio di qualche brutta patologia, che mi sta aumentando in maniera considerevole il mio stato d'ansia.

Grazie.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Lei comprenderà che se io non la vedo realmente, non posso capire se il suo dolore è riflesso o pertiene alle strutture muscolo ligamentose.
Per fare questo sarebbe necessario che io le mettessi almeno una mano sull'addome e le facessi delle manovre ortopediche che non posso fare via web.
Il suo medico intanto potrà valutarla clinicamente, e inoltre la RX lombosacrale potrà fornire preziose informazioni in prima battuta sullo stato degli spazi intersomatici (tra le vertebre).
Stia tranquillo, non bisogna sempre pensare al peggio se non ci sono sintomi assolutamente suggestivi: una lombalgia non è un sintomo che in prima battuta fa pensare a un cancro.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Salve,
come consigliato ho eseguito RX rachide cervicale e il referto è il seguente: iniziali modesti segni di spondilosi nel tratto medio del rachide dorsale. Nei limiti l'altezza dei somi dorsali che sono in asse sul piano sagittale. Regolare cifosi dorsale.

Tradotto ? Di cosa si tratta esattamente? E'una cosa grave? Quale terapia seguire o a chi rivolgermi ?

In attesa di un suo riscontro.

Grazie.
[#7] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Salve,
ho prenotato la visita da un osteopata sperando di poter riuscire a risolvere il problema, perchè il mal di schiena notturno sta diventando sempre più insopportabile. Inoltre mi sento sempre stanco e debole.
Come avevo anticipato, sono molto ansioso sulle malattie e ho seriamente timore che il tutto possa essere correlato a qualche forma tumorale del midollo osseo.
Sente di escluderlo ? Potrebbe essere che la RX non ha evidenziato cose "brutte" che invece con una RM verrebbero rilevate ?

Grazie mille.
[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
lei forse vuole intendere "cose brutte al MIDOLLO SPINALE.
Perchè il midollo osseo non si studia nè con la TC nè con la RM.
Una buona TC con mdc è in grado di rivelare una compressione midollare. La RX sulle compressioni midollari non fornisce alcuna indicazione, forse qualcosa per via indiretta.
Ma già la presenza di una osteofitosi potrebbe da sola spiegare il suo quadro algico.
Ovviamente se dovesse optare per una indagine di II livello non esiterei a consigliarle la RM del rachide in toto.
Perchè non si rivolge ad un Fisiatra piuttosto che ad un "osteopata"?
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#9] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Salve,
quindi ritiene che sia necessario fare ulteriore indagine con RM?
Ho optato per un osteopata su consiglio dell'ortopedico a seguito di visita.

Grazie.
Saluti,

D.
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Non ritengo nulla.
le ho solo detto che se vuole informazioni più dettagliate sul suo rachide deve studiarlo con la RM.
Se l'ha vista l'Ortopedico e l'ha mandata dall'Osteopata significa che dalla visita ha concluso per questa soluzione.
Sulla quale a distanza io non posso interferire.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#11] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Salve come le dicevo ormai da mesi soffro di forti mal di schiena notturni dorsali sotto le scapole come fossero cotratture o strappi muscolari. Poi col movimento e durante il giorno svanisce quasi del tutto. Ho provato negli ultimi giorni a dormire con un cuscino sotto la schiena e il dolore pareva attenuato. Da qualche giorno invece nonostante il cuscino il dolore è tornato come prima. Ho effettuato RX e RM dorso-lombo-sacarale che hanno evidenziato solo qualche protusione e assottigliamento vertebrale e nient'altro. Ho eseguito sedute di osteopatia senza risultati. Negli ultimi giorni avverto un senso di oppressione toracica come se avessi la tosse sebbene questa non ci sia e sento il respiro affannato. Esami del sangue nella norma ad eccezione di trasnaminasi un pò alte. A questo punto potrebbe essere un problema polmonare o legato all'esofago a dare questi disturbi notturni ? Grazie mille.