Utente 423XXX
Gentili medici, mi rivolgo a voi per un parere.

Da qualche anno a questa parte mi sono accorta con gli esami del sangue di avere il colesterolo un po' alto.
Pertanto, ho iniziato ad assumere FENOFIBRATO 145 mg compresse tutti i giorni.

Con il passare del tempo il colesterolo si è un po' ridotto e il medico di base mi ha detto di assumere la pastiglia 3 volte la settimana: lunedì, mercoledì e sabato.

In occasione di una visita cardiologica recente per un semplice ECG con bicicletta, (non ho nessuna patologia cardiaca), il Professore mi ha sconsigliato di assumere il farmaco in questa modalità perché, a suo dire, fa più male che bene...

Ho riferito la cosa al mio medico di base, che però ha dissentito, invitandomi a continuare la terapia
di FENOFIBRATO sempre 3 volte al giorno, sempre nella modalità che ho specificato, dal momento che il colesterolo lo si sta tenendo sotto controllo e non necessito di assumere il farmaco tutti i giorni come ai primi tempi.

L'ultimo esame del sangue (di qualche giorno fa) riportava:
GLUCOSIO 88 mg/dL
TRIGLICERIDI 74 mg/dL
COLESTEROLO 234 mg/dL
COLESTEROLO HDL 60 mg/dL
COLESTEROLO LDL 151 mg/dL
TIREOTROPINA RIFLESSA (TSH-R) 3,88 mcU/ml
TIROX.LIBERA FT4 0,78 mg/dL

Vi chiedo gentilmente: vi risulta che l'assunzione di FENOFIBRATO, non tutti i giorni ma nella modalità che ho riportato, faccia male?
Perché io sto seguendo quello che mi ha detto il medico di base, ma capite bene che non sono serena visto il dubbio del cardiologo.

Ringrazio e saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, lei con la terapia osservata non sta controllando i valori di colesterolo, visto che riporta 234 di totale e 151 di LDL (il colesterolo cattivo).....tralaltro i fibrati agiscono bene nella riduzione dei trigliceridi e molto meno in quella del colesterolo, soprattutto delle LDL. Personalmente avrei prescritto una blanda statina, come la sinvastatina 10 o 20 mg. Ovviamente è altrettanto importante il controllo alimentare, oltre al'attività fisica regolare.
Cordialmente
[#2] dopo  


dal 2016
Grazie per la cortese risposta Dr. Rillo.
Farò presente al curante dal momento che è lui che dovrebbe sapere cosa prescrivermi...

Generalizzando, è vero quello che sostenne il cardiologo e cioè che assumere le statine a "singhiozzo" come facevo io (lun-mer-sab) fa più male che bene? Lei è d'accordo con questa tesi?

Nuovamente grazie
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Mi permetta di dissentire..... "Farò presente al curante dal momento che è lui che dovrebbe sapere cosa prescrivermi"....
con tutto il rispetto per il collega, ma se avesse saputo cosa prescriverle avrebbe agito con una molecola differente....
mentre concordo con il collega cardiologo sull'assenza di razionalità per una terapia prescritta tralaltro a giorni alterni...
Al suo posto mi affiderei a quanto consigliato da uno specialista e non dal medico di base...
questa è la mia personale opinione nel suo caso.
Saluti
[#4] dopo  


dal 2016
Prendo atto che è meglio sentire uno specialista.

Grazie