Utente 233XXX
buonasera dottori chiedo un consulto per mia nonna di 89 anni. soffre da un po' di ipertensione . valori che vanno da 149 fino a 168. il medico curante le ha detto di prendere mezza compressa di quark 2,5 mg e poi una compresa intera da 2,5 mg. pero dopo 2 giorni di mezza compressa di quark e dopo due giorni di una compressa intera di quark da 2,5 mg la pressione non e' ancora adeguatamente controllata. cosa si potrebbe fare? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
la pressione sistolica in una donna cosi anziana é legata alla rigidita arteriosa e non solo non rispknde ai farmaci ma é moltolerkcoloso ridurgliela

la lasci avere quei valori pressori.

arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
grazie della risposta. perche' pericoloso rideurre la pressione? cosa puo' succedere? io so che l'ipertensione e' causa di ictus emoraggia cerebrale e problemia l cuore. il medico di base ha dato questa cura perche l'ipertensione causava emoragia dei capillari del naso.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
perche a 90 anni i vasi sono rigidi e pertanto la quantita di sangue che spreme il cuore ogni sistole non trova un sistema di vasi elastici come quando si é giovani e pertanto la pressione sistolica aumenta.
il ridurla con farmaci puo essere pericoloso per la perfusione cerebrale.
inoktre la epistassi e cioe la fuoriuscita di sangue dal naso é legata ad un sanguinamento VENOSO e non arterioso e non ha niente a che fare con la ipertensione ARTERIOSA.
purtroppo ancora molti medici fanno questo errore.
inoltre , mi consenta, se una persona ha la fortuna di campare 90 anni é opportuno essere un po modesti e comprendere che quella persona ha dei sistemi di protezione che noi purtroppo non abbiamo
e l interferire c on essi oltre che essere appunto presuntuoso, puo essere estremamente pericoloso potendo creare un ipoperfusione cerebrale.

arrivederxi
cecchini