Utente 212XXX
Gent.li dottori, vi espongo il mio caso clinico nella speranza che qualcuno di Voi possa darmi un proprio parere in merito.
Circa 7 mesi fa (fine febbraio 2016), a seguito del riscontro di una neoformazione ovalare a livello della gh. sottomandibolare dx, sotto indicazione del mio medico di base, ho effettuato un esame ecografico da cui si evinceva una formazione cistica in stretto rapporto con strutture vascolari adiacenti, per cui si richiedeva approfondimento con RMN, effettuata in data 07/03/2016 con il seguente esito: neoformazione ovalare con misure (28x14 mm) che si colloca al di fuori della ghiandola sottomandibolare che le si pone medialmente ed è compressa dalla neoformazione. Tra la lesione e la ghiandola sottomandibolare si interpongono le vene retromandibolare e faciale anteriore e la loro confluenza; inoltre la sua porzione caudale è in stretto rapporto con la vena faciale comune. Le suddette vene appaiono compresse e slaminate e del tutto indissociabili dalla neoformazione.
Posteriormente e cranialmente il polo posteriore della lesione si pone in contatto con la corticale ossea della regione angolare della mandibola per una estensione antero-posteriore di 12 mm. La lesione è iperintensa nelle scansioni T2 e fast-STIR (lesione di tipo cistico) ma nel suo contesto sono visibili un nodulo posteriore iperintenso nelle scansioni T1 dipendenti e ipointenso in quelle STIR e una nodularità anteriore di intensità intermedia nelle scansioni T2 dipendenti); sospetto diagnostico CISTI DERMOIDE.
Da qui sono stato indirizzato in Lombardia per ulteriori accertamenti (biopsia ecoguidata + visita OTL) presso gli Spedali Civili, di cui riporto i dettagli: formazione ovalare anecogena (diam. trasv. max. di poco inferiore ai 2 cm); non riconoscibili componenti solide parietali; formazione di aspetto cistico in regione sottomandibolare dx in adiacenza a strutture vascolari, che si deforma parzialmente alla compressione mirata, suggestiva per malformazione vascolare di tipo angiomatoso; quesito diagnostico ANGIOMA? CISTI DERMOIDE?... si esegue agoaspirato, da cui il seguente esame citologico: cellularità ematica; il quadro citologico, in relazione ai quesiti clinici, potrebbe essere espressione di una LESIONE VASCOLARE ANGIOMATOSA e, pertanto, da ritenere adeguato, pur in assenza di cellularità epiteliale.
Lo specialista Otorinolar., in riferimento al citologico, mi indirizza esclusivamente a nuovo controllo RMN a 6 mesi.
RMN 21/09/2016: minimo incremento volumetrico 29x16 mm (vs 28x14), non si documentano sostanziali modificazioni della struttura della formazione; sono sempre presenti invariati dal punto di vista morfovolumetrico il nodulo posteriore iperintenso nelle scansioni T1 dip. e ipointenso in quelle STIR e la nodularità anteriore di intensità intermedia nelle scansioni T2 dip.
Sotto consiglio medico, prendo il parere di un Chirurgo Vascolare che sotto guida ecografica esclude la presenza di un angioma a favore della diagnosi di CISTI.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Gargiulo
16% attività
8% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Caro pz nella.regione.sottomandibolare,
Le neoformazioni vascolari sono molto.rare,gli esami orientano piu' per una lesione non.vascolare, che.comunque in.ogni caso va asportata anche.per sottoporla.ad.un.esame.istologico definitivo.
Per un.consulto clinico.definitivo propedeutico ad un.intervento chirurgico puo' recarsi.tranquillamente presso la.nostra.struttura
Chir.maxillo facciale Ospedale Cardarelli napoli.
Mi.risponda.per e.mail.
Distinti.saluti.
Dr gargiulo maurizio
Dirigente.medico
UOC. MAXILLO FACCIALE AORN.CARDARELLI
[#2] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille dott. Gargiulo. Provvederò a contattarLa via mail immediatamente.