test  
 
Utente 355XXX
Gentili dottori,
a 52 giorni da un rapporto a rischio e contro il parere del dermatologo-venereolgo - che mi ha diagnosticato un ruben lichen planus al glande - e dell'andrologo/urologo, ho fatto presso una struttura ospedaliera pubblica i seguenti test per la sifilide - riporto alla lettera definizioni ed esito:

Treponema Pallidum (TPHA qual) - Non Reattivo
Treponema Pallidum (VDRL) - Negativa - eseguito RPR test non treponemico analogo a VDRL.

Cosa mi consigliate di fare ulteriorimente? Ho letto che il TPHA eseguito prima di 10 settimane potrebbe essere non utile, ma vista la negatività anche del RPR, devo ripeterli?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Il TPHA dopo 50 gg se lei ha contratto la Sifilide si positivizza.
I test reaginici (VDRL e RPR) si positivizzano ancora prima.
Dunque lei non ha la sifilide e i colleghi avevano ragione.
Vada da loro e segua la terapia che le hanno dato per il diagnosticato Lichen Ruber Planus.

Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dott. Caldarola, innanzitutto grazie.
Approfitto della sua cortesia per chiederle: l'avere, per altri motivi, dovuto nei primi dieci giorni dopo il rapporto, dovuto sostenere una cura antibiotica per due diversi motivi - Ciproxin 1 gr. per una settimana ed Augumentin per due giorni, non può avere ritardato l'inizio della eventuale positività?
Attendo un suo cortese ulteriore riscontro.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Assolutamente no.
Se lei avesse avuto la sifilide gli antibiotici avrebbero potuto mascherare la sintomatologia clinica ma non quella sierologica.
Si tranquillizzi.

Cordiali saluti
Dott. Caldarola.