Utente 362XXX
Buongiorno, vi scrivo per capire se il comportamento del mio corpo è qualcosa di normale o se è sintomo di qualche disturbo dell'erezione.

Innanzitutto sono un maschio di 24 anni e - fatta eccezione per una relazione durata più di 2 anni e mezzo - ho avuto una vita sessuale nettamente scarsa.
Ho altresì un problema di anorgasmia che non ha nulla a che vedere con l'anatomia (da solo riesco ad eiaculare senza problemi dopo qualche minuto, ma quando mi trovo in compagnia - forse per blocchi psicologici, forse per metodo masturbatorio particolare, forse per entrambi - mi è impossibile sentire il bisogno di eiaculare...anche se a masturbarmi sono io stesso).
Per il resto tutto ok: riesco a provare piacere; erezione stabile, duratura e così via...

Il problema che volevo esporre è il seguente:
So benissimo che quando si è minimanente attratti da qualcuna l'erezione improvvisa è da considerarsi fisiologica, ma a me questo fenomeno
- Capita con niente: basta immaginare di uscire con questa persona (senza pensare a qualcosa di sessuale) perché avvenga un'erezione
- Mi porta non poco disagio, in quanto accade questo: ho un'improvvisa, breve erezione (in media suppongo una trentina di secondi) seguita da perdite di liquido pre-eiaculatorio. Ok fin qui nulla di strano, ma il fatto è che la cosa può persistere per ore in maniera ciclica: dopo qualche minuto dalla perdita pre-eiaculatoria, comincia una nuova breve erezione seguita da un'ulteriore perdita, e così via. Quando c'è qualcuna che mi piace, in pratica, a fine giornata mi ritrovo le mutande con una macchia gigantesca dovuta alle costanti perdite pre-spermatiche.

Mi scuso se (forse) ho fatto una domanda idiota e da pre-adolescente, ma avevo provato a confidarmi con dei coetanei riguardo tale problema ed ero stato preso in giro. Magari tutto ciò che ho descritto sarà anche normale...capiterà anche a tutti, ma non mi è modo di comprenderlo se non tramite un professionista. Nemmeno le ricerche internet mi hanno portato qualche risultato pertinente

Vi ringrazio in anticipo per le risposte e per il tempo dedicatomi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,é evidente come sia entrato in confusione ma é altrettanto palese cheta questo punto, sarei curioso di conoscere le modalità con cui si é e si masturba.Il prepuzio riesce ad evaginarsi sul glande, in erezione, agevolmente?La eiaculazione ritardata non <é necessariamente espressione di uno stato patologico malva da se che una diagnosi andrologica vada posta, con un esame obiettivo, un controllo prostatico, una valutazione ormonale assieme ad un'attenta raccolta dei dati anamnestici.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta! Ma quindi sono da considerarsi fisiologiche e normali tutte quelle perdite di liquido pre seminale giornaliere? Comunque ho una condizione di fimosi non serrata. Riesco ad evaginare il glande senza difficoltà, ma solo quando non è eretto. In caso contrario, può essere difficoltoso. Quindi mi masturbo senza abbassare il prepuzio e con una presa forte in un punto specifico
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...era quello che sospettavo e, quindi,deve risolvere la fimosi rivolgendosi ad uno specialista reale.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio nuovamente per la disponibilità! E per quanto riguarda quello che considero come un problema di troppe erezioni all'ora e di perdite pre spermatiche così esagerate? È una cosa fisiologica che deriva dal fatto che ho poca esperienza con le ragazze e quindi mi eccito con niente? Oppure è realmente un problema?
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

al dilà della fimosi che sicuramente le potrebbe creare problemi nei rapporti sessuali ma non nella masturbazione, bisognerebbe capire bene la sua situazione.
si arriva all'orgasmo ed eiaculazione con emissione dello sperma all'esterno in virtù di un corretto funzionamento di strutture prostatiche, vescicali (collo), neurologiche che portano alla produzione dello sperma e "scarico" nell'uretra che lo porta all'esterno se il collo vescicale si chiude perfettamente.
Qualche volta l'orgasmo non è coincidente con la emissione dello sperma.
direi di consulatre un urologo con competenze andrologiche che possa consigliarle la soluzione migliore
cari saluti