Utente 426XXX
Salve,
ho 34 anni e ho un aritmia sopraventricolare parossistica.
Ho gia eseguito due ablazioni nel 2015, ma purtroppo mi è stato detto che questo tipo di aritmia non possono eliminarla è vicina al "nodo".
Vorrei avere una seconda gravidanza.
Posso assumere il Verapamil (dosaggio 40+80+80), magari a piccole dosi , nel corso della gravidanza?
Mi era stato consigliato il Metoprololo ma mi abbassa troppo la pressione e mi causa forti mal di testa.
invece con il Verapamil riesco a controllare bene la tachicardia e non mi da alcun effetto indesiderato...

Grazie mille, saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il Verapamil passa la barriera placentare e pertanto viene assorbito anche dal feto.
Cio' nonostante l'assunzione non viene sconsigliata.
Particolare attenzione durante l'eventuale allattamento al seno, perche' il verapamile viene secreta nel latte materno e quindi il bambino va seguito attentamente nei suoi parametri vitali e quindi frequenza cardiaca e pressione arteriosa.

Cordialita'

cecchini
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio dottore.
Meglio quindi il verapamil o il betabloccante?
Fin dai primi mesi si può assumere?

Non arreca disturbi/malformazioni al nascituro?

Grazie ancora .
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, se proprio vuole una gravidanza io non assumerei alcun farmaco, nell'interesse del feto.
Ovviamente c'e' la possibilita' di presentare aritmie sopraventricolari da trattare.
Ma se le interessa il bambino comprende che e' meglio non assumere farmaci e tra i due sicuramente NON il beta bloccante.

Arrivederci

cecchini