Utente 259XXX
Salve! Vorrei chiedervi se i misuratori di emoglobina con prelievo di sangue dal dito tramite una punturina (come fanno i diabetici per misurarsi la glicemia a casa per capirsi) sono affidabili.
Vi faccio questa domanda in quanto sono donatore di sangue e prima di ogni donazione viene misurata l'emoglobina con questi misuratori per accertarsi che non siano presente un'anemia. Vedo però che i valori misurati dal dito e i valori misurati con un normale prelievo di sangue risultano quasi sempre molto diversi. Ad esempio all'ultima donazione l'emoglobina misurata dal dito era 18, misurata con un normale prelievo di sangue effettuato 5 minuti dopo era a 16,8. La volta prima l'emoglobina misurata dal dito era 17,3 mentre misurata con prelievo di sangue effettuato sempre a 5 minuti di distanza risultava 16,7. Questi misuratori che utilizzano una goccina di sangue prelevata dal dito sono affidabili o è molto più affidabile il normale prelievo di sangue??

Vorrei porvi inoltre un'altra domanda riguardante l'ematocrito. Come mai a volte, confrontando diversi esami del sangue, ad un pari valore di emoglobina corrisponde un diverso valore di ematocrito? Prendendo sempre come esempio le ultime due donazioni: in una con emoglobina 16,7 corrispondeva un ematocrito di 50,5, l'altra con emoglobina 16,8 corrispondeva un ematocrito di 51,4... come è possibile una discrepanza di valori così?? Un anno fa mi avevano trovato l'emoglobina a 17,3 con ematocrito a 49,2... come è possibile che all'ultima donazione con emoglobina a 16,8, quindi più bassa, corrisponda un valore di ematocrito più alto, cioè 51,4??? Se l'ematocrito misura la percentuale tra globuli rossi e plasma se l'emoglobina scende non dovrebbe scendere in automatico anche l'ematocrito??

Sottolineo comunque che i valori rientrano sempre nei limiti di normalità stabiliti dal laboratorio che sono 14-18 per l'emoglobina e 40-52 per l'ematocrito.

Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La misurazione della Hb da sangue capillare lascia il tempo che trova.
L'Hb si valuta su sangue venoso citratato al contaglobuli.
L'ematocrito dipende da una serie di fattori: se lei beve poco o è disidratato l'ematocrito tende ad aumentare perchè si riduce la parte liquida del sangue.
Il contrario succede a chi beve molto.
Per cui ciò che fa fede è il valore dell'Hb.
Inoltre non stia lì a valutare differenze di ematocrito dell'1 - 3%!
Non è matematica la relazione tra Hb ed ematocrito e le ho spiegato il perchè.

Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore! Ultime due domande:
Lei ha parlato di idratazione... Ma quanto ci mette l' acqua bevuta a diventare plasma?

Il russamento e le eventuali apnee notturne possono influenzare emoglobina ed ematocrito?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Sul tempo che ci mette l'acqua a diventare plasma.....diciamo che è un discorso estremamente complesso.
Il russamento e le apnee notturne morfeiche, se documentate con un esame polisonnografico ed accompagnate da frequenti episodi di sesaturazione notturni, possono fare aumentare emoglobina ed ematocrito.

Cordialità
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore!
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Anche a lei!
Dott. Caldarola