Utente 380XXX
Buona sera dottori,

Vorrei cortesemente sapere se una frazione di eiezione del 44% può comportare un rischio elevato di infarto o altre patologie.

Vi chiedo questo ma vorrei sapeste che si tratta di mio padre e vorrei spiegarvi in breve l' iter seguito sebbene pur' io non ne so poi molto essendo che i miei non vogliono parlarmene...

All' incirca 6 anni fa era stata diagnosticata una miocardite e anche in quel caso la sua frazione d' eiezione era del 44%, dopo 2 anni circa la patologia a detta della cardiologa curante era miracolosamente scomparsa e la grazione di eiezione salì al 54%, purtroppo non so dire che medicinali prendesse ma intendo informarmi meglio essendo venuto a conoscenza solo questa sera che nell ultimo ecg di 2 mesi fa il valore era tornato a 44%.
Vorrei specificare che la cardiologa in questione ricordo bene che al primo ecg di 6 anni fa diceva di non vedere bene il cuore, mio padre aveva la pelle troppo spessa, parole sue quindibha dovuto insistere parecchio e le ha fatto anche strano vedendolo molto in salute almeno esteticamente. Vi chiedo quindi se è possibile che una miocardite passi e poi ritorni, perche a dire dei medici curanti d' oggi non è possibile. Potrebbe essere un errore invece da parte della cardiologa e che la frazione d' eiezione sia sempre rimasta la stessa? Possibile sia solo una coincidenza che il valore sia tornato esattamente lo stesso di prima?
Nell' ultimo anno inoltre mio papà ha accusato sempre più problemi di affaticamento anche solo facendo le scale e dolore al braccio sinistro nonchè bruciore al petto. Questi sintomi perduravano solo durante lo sforzo, appena finiva in qualche secondo il dolore o fastidio passava.

So che senza esami non potete azzardare molto.... vorrei solo chiedervi se fosse una cosa possibile il ritorno della miocardite, o se potesse essere uno sbaglio fin dall inizio e il valore 44% fosse sempre rimasto invariato

Ovviamente mio padre sta facendo gli esami e sabato avrà i risultati.

Vi ringrazio anticipatamente per ogni chiarimento in merito, sto continuando le mie ricerche in internet ma non credo troverò null' altro oltre a quel poco che ho capito, scusatemi se la domanda non è pertinente o sufficentemente supportata, in caso privvederò sabato agli aggiornamenti.

Grazie a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È possibile che suo padre abbia presentato un miocardite, ma per porre questa diagnosi non basta certo una ecografia ma anche il dosaggio degli anticorpi antivirus, ripetuti dopo 15 giorni.
Piuttosto la cosa che è più preoccupante è che lei segnala che suo padre presenta dolori al petto ed affaticamento da sforzo che parrebbero sintomi anginosi.
Per questo è opportuno che suo padre venga sottoposto per i ixiare ad un ecg sotto sforzo edd a seconda dell' esito, a coronarografia

Arrivederci

Cecchini
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio molto della celere risposta dottore

Si ira si sottoporrà a tutti gli esami del caso.
Vorrei solo specificare che il bruciore che avverte al petto è simile al reflusso gastrico a suo dire e non fa propriamente male, ho sbagliato io termine mi scusi, lo definisce fastidio.

Poi posso dirle che è stata solo fatta un ecg per diagnosticare la miocardite, nient' altro.... posso sapere se c è anche la possibilità che ritorni?

Amcora grazie, le auguro una buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Quindi non ha avuto una miocardite
Guardi che la diagnosi di
Miocardite non è banale ....è una diagnosi seria.

Si fa con il dosaggio degli anticorpi antivirus etc etc

Altrimenti non si può parlare di
Miocardite

La
Saluto

Cecchini
[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Guardi, sto chiedendo in questo preciso istante... quando è stata diagnosticata è stato fatto solo l' ecg e niente esami del sangue, l anno sucessivo è stata fatta una risonanza magnetica con liquido di contrasto e anche li han parlato di miocardite. Il primo esame del sangue , se di quello si parla per trovare gli anticorpi al virus, è stato fatto solo dopo 3 anni quando, il caso volle, che la miocardite fosse magicamente scomparsa...

Cosa ne pensa? A me qualcosa non torna

Modifico il post, mi scusi.... ho chiesto e richiesto piu volte se nel 2010 era ancora in corso la miocarite e i miei dicevano di si, in realtà era una miocardite pregressa, perdoni la confusione ma l ho saputo solo ora