Utente 430XXX
Buongiorno, ho già letto molte delle vostre risposte sul sito riguardanti l'adenoma pleomorfo, ma ho ancora un po' di dubbi e vi vorrei porre ancora alcune domande.

Innanzitutto premetto che è da un mese che ho fatto l'ecografia perchè sentivo questo rigonfiamento dietro l'orecchio da circa un anno con risultato: sospetto adenoma pleomorfo.
Ieri ho eseguito l'ago aspirato ed eccomi a porvi la mia prima domanda:
il dottore ieri mi ha effettuato un prelievo microistologico, in quanto mi ha detto che il citologico non lo effettua più perchè dà risultati "fasulli" o non corretti e perchè lo spessore dell'ago è lo stesso rispetto al citologico.
Siccome è stato prelevato proprio un "pezzo di questa massa" attraverso un ago tranciante (con un cassettino all'interno) ho il timore che questo prelievo possa essere stato troppo invasivo e che bucando la massa potrebbe aver provocato delle dispersioni in giro. Sono solo paranoica?

La seconda domanda, a cui non ho trovato risposta: ho letto che molte persone operate hanno avuto recidive e hanno subito molti interventi negli anni. Mi chiedo: perchè operarsi subito, anche con adenomi di piccole dimensioni, anzichè mantenerlo sotto controllo semestralmente?

Terza e ultima domanda: chi potete consigliare a torino come chirurgo?

Grazie in anticipo per la vostra attenzione.

Laura
[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Scusi, ma il "sospetto adenoma pleomorfo" è stato alla fine diagnosticato con certezza?
Potrebbe riportare per esteso il referto del precedente esame?
[#2] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2016
buongiorno dottor Bernkopf, grazie per la sua risposta e le scrivo di seguito il referto dell'ecografia:
l'indagine ecografica evidenzia, al polo inferiore della ghiandola parotide lato dx una formazione ipoecogena di 19x21mm, con qualche segnale vascolare al controllo estemporaneo con colordoppler.
Il reperto è riferibile in prima ipotesi a formazione nodulare solida intra parotidea (adenoma pleomorfo) ed è meritevole di verifica agobioptica.

Il referto della biopsia, ritirata ieri, dice: quadro compatibile con adenoma pleomorfo.

Quindi credo non ci siano dubbi, visto che sono stati prelevati due frustoli (così c'è scritto).

Non so se il fatto sia collegato, ma una decina di anni fa mi tolsi un dente del giudizio proprio in quella zona e mi ricordo che dopo l'estrazione la guancia mi si gonfiò tantissimo, gonfiore che mi passò dopo circa una settimana. Inoltre, sempre da quel lato, la mandibola schiocca.

Intanto la ringrazio nuovamente per l'interesse.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, se non ci fosse il referto dell'agoaspirato confermerei il mio sospetto (veda il link qui sotto): con l'estrazione non c'entra nulla, ma "la mandibola che schiocca" dallo stesso lato lo rinforzerebbe.
La parola "compatibile" non mi piace: è o non è?
Comunque l'Adenoma Pleomorfo ha una crescita lenta, che lascerebbe il tempo per una diagnosi differenziale.
Senta però l'ORL che ha visto lei e gli easami.
Cordiali saluti ed auguri

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1217-parotite-ricorrente-calcoli-salivari-colpa-denti.html
[#4] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille.
In effetti avevo già letto il suo articolo, molto interessante.
Volevo solo aggiungere che, circa 10 anni fa, ebbi un forte dolore mandibolare dalla parte sx (invece l'adenoma ce l'ho a destra) e andai dal mio dentista/gnatologo che mi fece una sorta di bite che usai per circa due mesi e che in effetti mi fece passare il dolore. Da allora lo uso a volte, quando sento come un "indurimento" della mandibola, non so come altro spiegarmi :)
Ebbene, adesso, da quando ho scoperto di avere questa neoplasia ho riniziato ad usarlo, da un punto di vista psicologico mi sembra che mi possa essere d'aiuto e comunque male non mi fa.

Più che da un otorino ho prenotato da un maxillo facciale specializzato in questo campo perchè, per ora, non ho un medico effettivo che mi segua e vorrei tanto trovarne uno con cui confrontarmi.

Solo una domanda: la diagnosi differenziale come potrebbe essere portata avanti? Secondo il mio dentista se c'è scritto così è adenoma ed è da togliere. In effetti, considerando che ho eseguito un agobiopsia e non un semplice citologico, non dovrebbe essere una certezza al 100%? E' possibile che non abbiano la certezza?

Lei riceve anche a Parma? Potrei prendere appuntamento nel suo studio, magari dopo la visita dal maxillo-facciale?

Intanto la ringrazio di nuovo e ne approfitto per augurarle un buon Natale.
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Più che un maxillo facciale , sarebbe meglio un ORL esperto in ghiandole salivari.
La diagnosi differenziale, sempreché il referto dell'agoaspirato non dia certezza all'ORL che le ho suggerito di consultare, consiste nell'applicare un bite conformato ad hoc per vedere in alcuni mesi se il gonfiore sparisce. L'area ipoecogena, infatti, è referto tipico anche dell'ipertrofia parotidea.
"sempre da quel lato (DX), la mandibola schiocca.....ebbi un forte dolore mandibolare dalla parte sx "
Probabilmente il suo problema mandibolare é bilaterale: bisognerebbe poter vedere.
Si, ricevo anche a Parma.
Buone Feste anche a lei.
[#6] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2016
Solo un'ultima domanda: ho fatto una ricerca e come esperto ORL della ghiandole salivari a Torino e ho trovato il dott. Mario Bussi. Cosa ne pensa? Grazie ancora!