Utente 414XXX
buongiorno,soffro da circa 1 anno di nausea dopo i pasti,senso di pesantezza e stanchezza.Durante il mese di luglio ho perso peso da 57 a 53 kg.Ho fatto una gastroscopia con esito negativo,non sono ne allergico al nichel ne celiaco,ne al lattosio ne lattulosio.Per 4 mesi sono stato in cura da una nutrizionista ma ho preso solo 1 kg ed il mio peso oscilla continuamente da 54 a 55 nonostante io mangi molto più di una persona normale e mi sento soprattutto molto stanco.Mi vengono anche delle macchie sul petto quando ho la nausea a volte pruriginose altre no ma durano per poco tempo.Mi è capitato a volte di svegliarmi durante la notte zuppo di sudore.Dagli esami delle feci non risulta niente.Sono stato dall'ematologa e mi ha prescritto orinocultura e analisi per vedere se ho malattie infettive.
volevo però scrivervi dei valori che sono risultati non nella norma dalle ultime analisi che ho fatto e sapere una vostra opinione (premetto che mio padre NON ha l'emocromatosi)


BIRILUBINA TOTALE: 1.6 riferimento(0.3;1.2)

BIRILUBINA DIRETTA: 0.6 (<0.3)

CAPACITA FERRO LEGANTE: 190 (250;425)

ESAME EMOCROMOCITOMETRICO

MCHC: 35.5 (31.5;34.5)

FERRITINA: 357 (357)

URINA

FILAMENTI MUCO: PRESENTI.


voi cosa ne pensate?
sarò onesto,sono emetofobico quindi non so tra i sintomi che vi ho descritto se la nausea è un qualcosa di psicologico oppure fisico.
attento vostre risposte grazie.
PS volevo scrivere anche sotto la sezione ematologia ma non era possibile per questioni tecniche del sito.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
mi perdoni la franchezza: ma lei da un medico a cui si presentasse con il risultato di 4 analisi messe in croce che risposta penserebbe di ricevere?
Ricopi tutto quello che ha fatto, se vuole, con i valori di riferimento ovviamente, e sarò molto lieto di darle un parere.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
414801

dal 2017
glucosio 90 65-110
transaminasi ast(got) 26 7-45
transaminasi alt(gpt)32 7-45
birilubina totale 1.6 0.3- 1.2
birilubina diretta0.6 <0.3
ferro77 60-160
proteina c reattiva<0.5 <5.0
emoglobina glicata34 23.0-41.0
capacita ferro legante190 250-425
HDL colesterolo61 <40
lattico deidrogenasi176 <250
epatite b hbsag<0.10 <0.90
etatite b hbeag0.10 <0.90
epatiteb antihbeag0.10 <0.90
epatite b antihbcag<0.07 <0.50
epatite b antihbsag76.40 <10 significativo
epatite c igGspecifiche0.03 <0.90
emoglobbina16.4 13-17
ematocrito46,2 40.0-50.0
globuli rossi5.43 4.50-5.50
MCV85.0 83.0-101.0
MCH30.2 27.0-32.0
MCHC3.5 31.5-34.5
RDW12.3 11.5-14.5
piastrine196 150-450
MPV7.5 6.8-10.0
globuli bianchi4.31 4.00-10.00
granulociti neutrofili2.52 2.00-7.00
granulociti eosinofili0.05 0.00-0.50
granulociti basofili0.03 0.00-0.20
linfociti1.48 1.00-3.00
monociti 0.23 0.20-1.00
granulociti neutrofili(%)58.6 40.0-80.0
granulociti eosinofili(%)1.1 0.0-5.4
granulociti basofili(%)0.6 0.0-1.2
linfociti(%)34.3 20.0-40.0
monociti(%)5.4 2.0-10.0
recettore solubile transferrina1.12 0.760-1760
folati10.1 <4.0
ferritina357 21-275
vitaminab12 409 187-883
reticolociti(%)1.0 0.5-2.0
reticolociti55 50-100
MFR2.2 0.0-20.0
HFR0.2 0.0-5.0
LFR97.6
frazione immatura 0.2
TSH2.22 0.35-3.20
FT3 3.4 2.4-4.2
FT4 14.7 8.5-16.5
anticorpi antiTG<15.00 <60.0
anticorpi antiTPO<28.00 <60.0

urine
corpi chetonisi tracce assente
leuc.ben.cons 0-5 assente
filamenti di muco presenti assente

albumina65.7 55.1-65.7
alfa1globuline3.9 3.1-5.6
alfa2globuline7.9 8.0-12.7
beta1globuline5.5 4.9-7.2
beta2globuline4.8 3.1-6.1
gammablobuline12.2 10.3-18.2
rapportoA/G1.92 1.10-2.40

ecografia linfonodi anse intestinali 11mm
e linfonodi all'inguine doloranti che mi sono stati scambiati inizialmente per ernie.
è tutto
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
I suoi esami non destano alcuna preoccupazione.
Lei è immune dall'Epatite B a seguito del vaccino.
In quanto alla iperferritinemia: non vi sono dati che ne consentano una diretta correlazione con un danno epatocitario.
Un valore come il suo si trova frequentemente e può essere legato alla dieta, se ricca di alimenti contenenti ferro assorbibile, o ad un processo infiammatorio aspecifico.
Nel primo caso riduca l'apporto di carne e legumi.
il metodo migliore è valutare l'andamento del valore con prelievi mensili. Se tendesse a salire potrebbe essere presa in considerazione la molto improbabile ipotesi di una emocromatosi.
Altro non ho da segnalarle.
Mi tenga aggiornato. Se vuole.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
414801

dal 2017
grazie per la risposta,quindi perdita di peso nausea e stanchezza vanno ad evidenziare un possibile problema psicologico?e per i linfonodi doloranti?
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
I linfonodi doloranti sono o espressione di infiammazione o di un traumatismo esercitato nell'atto di palparseli continuamente.
Non dice se sono diffusi o localizzati: per sua tranquillità faccia una valutazione ecografica per evidenziare morfologia, ecostruttura e dimensioni.
Credo che una buona terapia dell'ansia le gioverebbe molto. In prima battuta con i farmaci adatti dati da uno specialista, visto che il pensiero fisso che non dice è di avere un Linfoma. Poi potrà affiancare un percorso psicologico.
Ne parli con chi la segue.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
414801

dal 2017
No le assicuro che il mio pensiero fisso è quello del vomito,so che non sono preoccupanti perché l ematologo me li ha sentiti vorrei solo sapere dove finisce il problema psicologico e dove e se ve ne sia uno fisico che mi porta quei sintomi che le ho descritto,mettiamo che la nausea sia portata alla psiche,se la stanchezza e dovuta al dimagrimento e con la dovuto dieta non riesco a recuperare ciò che ho preso si parla di infiammazione per esclusione oppure probabilmente è gia stata esclusa visto che ho in programma analisi per infezioni?
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Scusi: mi pare che lei abbia fatto una gastroscopia con esito negativo.
Alla luce di questo e in assenza di altri problemi intestinali, con la sua affermazione di essere emetofobico, la conclusione che si può trarre è che lei abbia timore di vomitare e finisca per farlo.
Le ho posto una domanda indiretta: lei mangia molte proteine sotto forma di carne che contiene mioglobina e quindi ferro o le è stata data una dieta equilibrata in cui il primo posto spetta ai carboidrati, che nel suo caso sono quelli che le farebbero prendere peso?
Lei da le risposte che vuole e non alle domande che io le faccio.
Se lei mi dice che l'infettivologo aveva già "sentito" gli esami e sapeva che non aveva nulla di organico mi permetta di chiederle: non le pare superfluo che io perda tempo con i suoi problemi per sentirmi dire più o meno garbatamente "Dottore non mi sta dicendo nulla di nuovo!"
Di quale infezione parla la sua Infettivologa? Di una cistite? E lei crede che non avrebbe sintomi? Ed in ogni caso che cosa c'entrerebbe con il vomito?
Le cause dell'emesi sono infinite: se mi mettessi ad elencarle tutte faremmo notte.
Anche le caratteristiche del suo vomito, che lei non cita, sono fondamentali ai fini diagnostici: al mattino appena sveglio? A getto non preceduto da nausea? Si accompagna a cefalea o dolori addominali?
Se lei vuole affrontare un consulto telematico, che ha limiti intrinseci insuperabili, si deve mettere nelle condizioni di chi chiede ed ottiene dei pareri: l'ha chiesto lei il consulto non le ho detto di chiederlo io.
Perchè vede, se vuole trasferire le sue angosce sulla mia persona allora io faccio chiudere il consulto e lei si rivolge alla sua Infettivologa o a uno dei bravissimi colleghi che scrivono su MI+
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#8] dopo  
414801

dal 2017
guardi fino ad ora sono stato garbato nonostante lei dimostra molta arroganza.Non sono io che faccio finta di non capire mi pare sia lei che non capisce.1 non mi pare di aver mai detto di vomitare,e non so se sa ma un emetofobico è uno che ha molta resistenza quindi non vomita nemmeno se deve,io non vomito da 10 anni.La mia domanda è molto semplice e non è cosi strana come la mette lei,adesso glielo spiego nel modo più semplice possibile.Il gastroenterologo mi aveva fatto fare gastroscopia risultante lieve gastrite e una colonscopia per bruciore rettale.la colonscopia non la ho potuta fare perchè dopo aver preso la preparazione gia debilitato di mio il mattino sono svenuto perchè avevo perso 1kg dovuto alla preparazione quindi niente colonscopia.quando ho detto al gastroenterologo che avevo anche delle macchie e sudavo la notte mi ha detto di andare dall'ematologo che mi ha prescrittto le analisi che ho detto li sopra in più ora mi ha dato da fare analisi per toxoplasmosi tubercolosi ecc (ecc visto che ha detto che non ha tempo da perdere con me)ho chiesto semplicemente partendo dal fatto che io psicologicamente sono compromesso visto che è 1 anno che sto male LA DOMANDA E'. UN EVENTUALE PROBLEMA PSICOLOGICO PUò FAR SI CHE SEGUENDO LA DIETA PER INGRASSARE PER 4 MESI NON MI FACCIA RIPRENDERE IL MIO PESO,NON ABBIA PIù STANCHEZZA DOPO I PASTI,NON SUDI PIù LA NOTTE,NON ABBIA PIù MACCHIE ROSSE SUL PETTO QUANDO HO LA NAUSEA? DOVE INIZIA LA PSICOLOGIA E DOVE E SE C'è UN PROBLEMA INFETTIVO/INFIAMMATORIO.

in conclusione non gradisco per niente il suo modo di fare,sta dando un servizio gratuito se non le va di rispondere non lo faccia,è un sito pieno di dottori,se la angoscio come dice non stia su un sito gratuito oppure si rilegga le politiche del sito,c'è scritto che posso chiedere consulti se non vuole farsi angosciare o non risponde oppure prende il tasto delete sull'account
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi,
ciò che debbo fare io su questo sito, se procedere col pulsante di cancellazione o restare a fornire i miei consulti, non sono affari che la tangono minimamente.
So perfettamente e molto meglio di lei, che è uno sbarbatello a 21 anni, chi è e a che cosa realmente va incontro un vero emetofobico.
Lei ha 21 anni di vita: io ne ho 20 di seria professione medica.
Ho voluto evitare di essere "traumatico dal primo momento: ma chi è arrogante è lei.
E lo specialista adatto alla sua situazione è uno solo: lo psichiatra.
Perciò, nel suo interesse lo consulti e si faccia curare.
Con ciò non la saluto perchè è un grande maleducato, le politiche "comunitarie" se le studi lei, e posti un altro consulto dove le pare con scritto bene in evidenza "per tutti tranne che per il Dott. Caldarola.
[#10] dopo  
414801

dal 2017
io sarò anche arrogante ma ha iniziato lei,essere un dottore non le da il diritto di deridere chi ne sa meno di lei bensi di aiutare il prossimo,fatto sta che lei intuisce cose che nessuno dice e mi mette in bocca cose che non ho mai detto,ed esempio che vomito,ad esempio che un medico ha gia visto le mie analisi quindi la faccio perdere tempo,ho detto solo che mi hanno sentito i linfonodi non che mi hanno visto le analisi ho 21 anni ma sono abbastanza intelligente da capire che se conosco gia la risposta è inutile che faccio la domanda non sono menomato mentalmente,se lei scendesse dal suo piedistallo ed ascoltasse veramente le persone con pari umiltà con la quale le vengono rivolte le domande evitando quel modo di fare visto che non è la prima volta che lo fa gia in passato avevo scritto e lei con quel modo di fare arrogante si era imposto a cio che dicevo ma avevo fatto finta di niente siccome a quanto vedo è una cosa propria del suo carattere non vedo per quale motivo io debba farmi bersagliare da lei visto che non sono io al suo servizio bensi il contrario.Stia tranquillo non userò mai più questo sito perchè se c'è solo gente come lei meglio aspettare i prossimi 6 mesi e chiedere al medico da cui sono andato.Le auguro un giorno di aver bisogno di qualcosa da una persona arrogante come lei cosi capisce che vuol dire
[#11] dopo  
 Staff Medicitalia.it
44% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Gentile utente

qui nessuno è a servizio di nessuno. Questa è una piattaforma in cui i professionisti rispondono gratuitamente, di propria sponte e senza alcun ritorno economico. A volte capita però, come in questo caso che il ritorno è rappresentato da un insulto solo perché la risposta tradisce l'aspettativa.

Il dr. Caldarola si è messo a sua completa disposizione come fa quotidianamente con tutti gli utenti bisognosi, ottenendo consensi e ringraziamenti da centinaia di cittadini ogni giorno, oltre a curare egregiamente l'area di propria competenza.
Con lei purtroppo non è stato molto fortunato, ma la prego di ascoltare i consigli che le sono stati dati, al di là della incomprensione reciproca che c'è stata.

Dopodiché lei potrà benissimo cancellarsi da questo sito visto che non lo ritiene utile e non le è stato d'aiuto.

Grazie
Cordiali saluti
staff@medicitalia.it