Utente 404XXX
Buonasera gentili dottori, sono un ragazzo di 23 anni e mi sento gia un rottame. Da alcuni anni a questa parte avverto una serie di sintomi, che si sono fatti sempre piu insistenti col tempo, ai quali non riesco ancora a trovarne la causa nonostante numerose visite e controlli e che, inutile dirlo, mi stanno condizionando totalmente la vita. Evito di farvi la cronologia di tutti gli eventi e vado dritto alla descrizione dei sintomi di cui soffro: affaticamento anche per piccoli sforzi, senso di forte stanchezza persistente anche dopo molte ore di sonno, intenso pallore e occhiaie marcate che permangono tutto il giorno, gonfiore del viso sopratutto zona palpebrale, occhi pesanti, dermatiti e acne. Questa situazione si è evoluta progressivamente arrivando ad essere una costante giornaliera, a causa di ciò ho gia perso un lavoro, ho dovuto rinunciare a tante cose, non vado piu in vacanza... di conseguenza sono andato in depressione. Inizialmente il mio medico pensava fosse anemia, ma dalle analisi non risultò. Ho consultato anche un altro medico il quale sospettava una disfunzione tiroidea e feci tutte le verifiche necessarie, inizialmente risultò una lieve condizione di ipotiroidismo (TSH superiore alla media) salvo poi tornare nella norma in una successiva verifica. Ho provato a cambiare alimentazione curandola rigidamente (poiche sempre stata carente di frutta e verdura) ma i sintomi persistevano. Alla fine mi è stato detto che la causa era lo stress e la mia situazione psicologica e di concentrarmi su quello, cosi mi sono rivolto ad uno psichiatra per curare la mia depressione, ho seguito la cura farmacologica ma la situazione è peggiorata ulteriormente, sono ingrassato di 15kg, i sintomi sempre gli stessi, mi si è gonfiata tantissimo la pancia e un petto. Lo psichiatra sostiene che i farmaci che mi ha prescritto durante questi mesi non provocano assolutamente effetti collaterali di questo tipo (tranne forse che per l'ingrassamento) e mi ha invitato piu volte a fare una visita endocrinologica perche pensa che abbia un problema di natura ormonale. anche un altro dottore che ho consultato è della stessa opinione e secondo lui dovrei verificare lo stato dei surreni. Vorrei sentire il vostro parere, non so piu dove andare a parare... sicuramente un problema di salute cè.. non ricordo l'ultima volta che mi sono sentito veramente riposato e in forma..
[#1] dopo  
431733

Cancellato nel 2018
Certamente il quadro complessivo merita una attenzione particolare e va adeguatamente valutato con i dovuti esami eseguiti con la massima contestualità. Da quanto segnalato ci sono aspetti che possono essere puramente emozionali-stressogeni, aspetti di regolazione endocrina sia sull'asse ipofisi-testicolo che ipofisi-surrene, aspetti che potrebbero essere di nutrizionale-metabolico-ossidativo, aspetti di tipo immunitario. La terapia antidepressiva farmacologica non l'ha aiutata e per alcuni profili può aver concorso a peggiorare eventuali squilibri regolativi. A questo punto occorre riprendere in mano tutta la situazione, rivedendo quanto ha già fatto e eseguendo quanto ancora è da fare... ci vuole un po' di impegno da parte del medico a cui si affiderà e da parte sua per svolgere quanto necessario. Credo che agendo in questo modo si potrà arrivare in tempi ragionevoli alla definizione delle problematiche in essere e poi così attivare l'utile percorso di riequilibrio.
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Salve dottore, riprendere in mano tutta la situazione è ciò che sicuramente voglio fare, poiche dopo aver seguito i consigli del medico impegnandomi a seguire uno stile di vita piu sano e corretto e risolvere la mia situazione psicologica del quale esso convinto fosse causa dei miei problemi, a distanza di un anno i sintomi non sono regrediti (se non peggiorati). Non metto in dubbio il fatto che lo stress possa ripercuotersi aggressivamente sul fisico, la terapia farmacologica mi ha sicuramente aiutato per quanto riguarda la sfera psicologica ma nel frattempo sono sempre stato, quando piu quando meno, male fisicamente ed è questa situazione che mi causa stress (piuttosto che il contrario). ora sono ancora piu convinto che un problema di salute sia concreto, e questa cosa è dovuta anche al fatto che quando agisco sui singoli sintomi niente sembra efficace e non risolvo mai niente, neanche in ambito dermatologico. cercando i miei sintomi su internet vengo indirizzato sempre sullo stesso argomento, ipotiroidismo. Durante lo scorso anno ho eseguito 3 volte le analisi per t3,t4,tsh: al primo controllo il tsh risultava leggermente superiore alla soglia massima, al secondo il valore si era dimezzato ed era perfettamente nella norma, al terzo era invece basso, molto vicino alla soglia minima ma sempre nella norma, in tutti e 3 i casi i valori t3 e t4 regolari. a breve ripeterò nuovamente le analisi e parlerò con il mio medico per rivedere tutta la situazione, anche se sarebbe mia intenzione recarmi di testa mia direttamente da un endocrinologo per approfondire ulteriormente.. secondo lei che significato può avere questo sbalzo continuo nel valore del tsh?? che analisi mi consiglierebbe di fare?
[#3] dopo  
431733

Cancellato nel 2018
Variazioni del TSH del tipo di quelli indicati non hanno alcun significato e fanno parte delle normali variazioni anche dettate da condizioni stressogene più o meno consistenti e che con evidenza la caratterizzano. Non posso qui elencarle esami se no come ho già fatto per gruppi (i profili citati) perché è necessaria prima una accurata valutazione clinica, anche per non sprecare tempo e denaro (fare i profili può costare non poco). Spero trovi un buon medico (non necessariamente un endocrinologo) che possa e voglia assumere l'incarico di valutarla e seguirla. Nell'attesa lasci perdere gli antidepressivi, gestisca bene il suo stile di vita e quello alimentare anche riequilibrando il suo peso, svolga una buona e rilassante attività fisica (almeno un'ora al giorno, nuoto e/o aerobica dolce), associ se vuole dello yoga o il tai-chi.