cisti  
 
Utente 391XXX
Buonasera io e mia moglie ricerchiamo la gravidanza da ormai due anni. Lei ha eseguito tutti gli esami diagnostici tra cui la laparoscopia per rimozione di due cisti endometrio siche e rimozione di macchie di endometriosi nella zona del retto.
Il mio spermiogramma è definito nella norma.
Oltre a questo episodio abbiamo avuto diversi episodi di cisti funzionali febbraio 2015,aprile 2015 e novembre 2015 ( a seguito di stimolazione con clomid) e in questo mese(febbraio 2017) a seguito di stimolazione con gonal-f 75 una fiala al giorno per 10 giorni.
Inoltre durante l'intervento è stato rimosso un corpo luteo emorragico.
Vorrei sapere se il nostro problema può essere riconducibile a mancato scoppio del follicolo (l.u.f.) non avendo mai accurato dal punto di vista ecografico l'avvenuta ovulazione.
Nel mese di gennaio abbiamo verificato il progesterone che risultava 6 nmol/l il ginecologo afferma che l'ovulazione c'è stata ma al ciclo successivo abbiamo una cisti funzionale di 28 mm al quarto giorno del ciclo.

Il nostro ginecologo inoltre afferma che mia moglie ovula tutti i mesi perchè in genere al ciclo successivo non troviamo cisti.
Questa affermazione è vera ?

Inoltre afferma che l'endometriosi genera la l.u.f. ma non è possibile che la l.u.f. generi l'endometriosi.

Vi informo che un vero e proprio monitoraggio ormonale non è mai stato eseguito.

Distinti Saluti
Giovanni Vastola
[#1] dopo  
Dr. Franco Lisi
32% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Salve
ho visto la vostra storia. Non mi pare sia stata eseguita l'isterosalpingografia e il dosaggio di AMH. Tutte le persone operate di endometriosi dovrebbero valutare la pervietà tubarica. Inoltre dovrebbero valutare anche la riserva ovarica, per vedere quanti ovociti sono rimasti, ossia il dosaggio dell'AMH o ormone antimulleriano.
[#2] dopo  
Utente 391XXX

Iscritto dal 2015
In realtà è stata una mia mancanza nella precedente email. l'isterosalpingografia è stata eseguita e le tube risultano pelvie;anche se in un punto sono definite leggermente tortuose.
L'Amh dopo l'intervento non è stato controllato.
Per quanto riguarda le tube il nostro medico ci ha detto che pur essendo pelvie potrebbero comunque non funzionare.
[#3] dopo  
Dr. Franco Lisi
32% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Salve
se il suo medico ha dei dubbi sulla pervietà tubarica allora la sua strada é la fertilizzazione in vitro. Purtroppo tube chiuse e tube aperte con difficoltà da un punto di vista riproduttivo é la stessa cosa.