Utente 419XXX

Salve,desidero aver un consulto perfavore .Mio marito che ha 48 anni ,il 13 marzo ha subito una "rivascolarizzazione miocardico a cuore battente ,gli hanno messo 2 bypass".Tutto procede x il meglio ,ma lui sa che tra qualche mese dovrà esser sottoposto ad un altro intervento non facile;una massa tumorale benigna al cervello .Tutti esami che io ho spinto a fargli fare e complicato la sua vita x salvargliela...lui non aveva alcun sintomo,oltre uno spasmo all'occhio ,si è anche scoperto il diabete melito 2 !
Ora si sente affaticato ,ha 48 anni e verso fine aprile dovrà rincominciare a lavorare come capocantiere edile ,ed evitare sforzi naturalmente.Questo lo stimola molto ama il suo lavoro.Forse la cosa che più mi preoccupa ora è il suo stato psicologico essendo lui sempre una persona scherzosa ,si è chiuso in un isolamento ed è diventato scostante,si irrita facilmente .Io dottore sono
l ' unica familiare che ha è
l ' ho assistito di continuo, e ne sono felice di questo, ma sento anche su di me lo stress della situazione psicologica ed economica dato che ora è fermo,mi faccio carico di tutti i problemi.Ma continuo a stargli vicino il più possibile ,passerà dottore?cosa posso fare x aiutarlo?È normale questo suo affaticamento ?il mio
( mi chiedo) ;è un comportamento egoistico non arrivarci a sola a questo suo stato mentale .....cosa posso fare?grazie infinite.

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2004
Più che una valutazione cardiochirurgica è indicata una valutazione psicologica.