Utente 445XXX
Buonasera esimi Dottori,

volevo chiedervi una info di tipo medico/tecnico, mi spiego meglio: per danni dovuti a cannabis si deve usare RM classica o la RM classica non evidenzia e si deve usare solitamente RM funzionale?
In altre parole il danno da utilizzo di cannabis è un danno funzionale o è visibile anche con RM classica per decadimento delle cellule cerebrali biologicamente visibile?

Grazie Mille per l'aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

Nel sospetto di danni organici cerebrali da cannabis l'esame di base è la RM encefalica classica, poi in base all'esito di quest'ulima sarà il neurologo che indicherà come procedere.
Consideri che spesso nemmeno la RM funzionale mette in evidenza eventuali alterazioni.
Spesso invece il disturbo è di tipo psichico con slatentizzazione dell'ansia e tutto l'eventuale corredo sintomatologico con cui questa si può associare, per es. disturbi della memoria, del sonno, somatizzazioni varie, ecc.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
445726

dal 2017
Grazie mille gentile Dottore, glielo chiedevo perché una volta andai ad Amsterdam e stetti molto tempo in un coffe shop, per causa di amici, non fumai ma ho sempre temuto il passivo mi abbia fatto male.
1)Passando alla domanda: quindi il danno da cannabis è anche organico certe volte, e non solo funzionale? Ho ben compreso

2)Volevo porle una seconda domanda: Chiedo perché devo fare una RM senza contrasto avendo subito una botta alla testa al lavoro e anche un EEG, non vorrei l'EEG risultasse variato se prenoto dopo poco dall'RM. Ho letto un consulto di qualche giorno fa in questa pagina dove si legge che l'EEG viene alterato post Risonanza Magnetica Nucleare, diceva al paziente essere transitorio, però non ho capito se l'effetto transitorio passi dopo ore, mesi, settimane dall'effettuare una RM. Buona Pasqua.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

1. In alcuni casi il danno può essere organico.

2. Dopo qualche giorno, ma non sempre accade una lieve alterazione.

Cordialmente
[#4] dopo  
445726

dal 2017
1) quindi se prenoto EEG con deprivazione di sonno a circa una settimana di distanza dopo RM non dovrebbe risentire di alterazioni dati dall'indagine di risonanza. Posso lasciare una settimana di tempo tra RM e poi EEG con deprivazione di sonno, giusto?
------------------------------------------------
Caro Dottore, la ringrazio per l'aiuto che fornisce tramite questo sito in maniera così altruista e volontaria, non è da tutti. Non voglio in realtà "abusare" troppo del servizio e della sua disponibilità, mi piacerebbe tuttavia porle ancora un paio di curiosità in ambito neurologico che mi porto dietro e penso potrebbe fugarmi (nozioni mediche).

2)Non c'entra nulla col resto del consulto, ma mi sembra inutile aprirne un altro e rubare spazio a nuovi consulti, quindi continuo qui.
Quando ero poco più che ventenne mi fu diagnosticato un DSA [nel mio caso specifico discalculico e lievemente disgrafico], io mi tengo sempre aggiornato sugli ultimi sviluppi (come mi disse l'equipe che mi esaminò a suo tempo è tuttora un problema in studio), reentemente leggevo un articolo sul DSA in cui diceva che "[...]L'ipotesi che pare più accreditata è del microinfarto a livello cerebrale nei primissimi anni di vita, dopo la laterizzazione (che avviene un po' dopo nelle femmine), spiegazione che supporta i dati della maggior incidenza maschile dei casi di DSA[...]"
Le risulta questa causa microinfartuale?
Purtroppo online le notizie mediche sono da prendere con le molle, per questo preferisco chiedere a Lei. la ringrazio molto se mi potesse spiegare in dettaglio essendone interessato :)

Buona Pasqua Dottore.
[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, può effettuare l'EEG dopo una settimana dalla RM, anche meno. Aggiungo però che non sempre si assiste ad eventuale alterazione transitoria dell'EEG.

Le cause di un DSA non sono note completamente, si parla di una condizione multifattoriale in cui concorrono in vario modo fattori genetici, organici ed ambientali, tra i fattori organici non si può escludere una lesione microinfartuale nei primi anni di vita.
Le ricordo che siamo soltanto a livello di ipotesi.

Cordialità
[#6] dopo  
445726

dal 2017
Grazie Dottore,
Ipotizzando quindi un soggetto che abbia questa lesione microinfartuale nei primi anni di vita (e DSA), questo microinfarto essendo danno organico è evidenziabile con RM classica in teoria?

Buona serata.
[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Potrebbe esserlo (si rileverebbe focolaio gliotico, cioè già cicatrizzato) come potrebbe non esserlo ma ai fini pratici cambia poco non essendoci terapie farmacologiche idonee al caso.

Cordiali saluti
[#8] dopo  
445726

dal 2017
Certo ho compreso Dottore,

1) ma in età così giovane da cosa può dipendere un microinfarto? (sangue troppo denso? altri problemi?)
Pensavo succedesse solo negli anziani.

2) Soprattutto se succede una volta potrebbe risuccedere anche in altre aree cerebrali o no?



Scusi se chiedo ma è una curiosità che ho sempre avuto e finalmente posso avere risposte scientifiche.
[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

1. Cause sconosciute.

2. Non ci sono casistiche in tal senso.

Cordialmente
[#10] dopo  
445726

dal 2017
Grazie mille,
1) mi diceva che le cause infartuali sono sconosciute, ma anche in tal eziologia microinfartuale del DSA potrebbe esserci predisposizione genetica all'evento microinfartuale?
----------------------------------
volevo chiudere con un'ultima curiosità, dato che nella prima risposta si parlò di RM funzionale, tornando al discorso di apertura della Indagine RM.

2)La RM funzionale usa sempre un mezzo di contrasto o un tracciante o l'indagine è anche senza iniezione di essi?
Vedremo però il neurologo se me la prescriverà ovviamente, mera curiosità ch emi chiedevo.

La ringrazio e saluto Dottore, grazie mille per aver fugato tutti i dubbi e Buona Pasqua.
[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i principali fattori di rischio dell'infarto cerebrale classico dell'adulto sono noti, cioè ipertensione arteriosa, diabete, colesterolo e trigliceridi alti, fumo di sigaretta, ecc..
Le cause di eventuali microinfarti infantili sono poco noti.

La RM funzionale si effettua senza mezzo di contrasto.

Grazie e buona Pasqua anche a Lei