Utente 430XXX
Salve,mi rivolgo a questa sezione spero la mia domanda sia pertinente..come potete vedere dalla mia "storia clinica" su questo sito già mi ero rivolto a voi qualche mese fa per un senso di malessere generale che mi affligge ormai da mesi:i sintomi sono vari e vanno a periodi ma comunque ormai sono 3/4 mesi che mi sento in un stato continua tensione dovuto ai sintomi che elencherò e non riesco quasi più a vivere in maniera tranquilla la vita di tutti giorni:tutto è iniziato con una colite che ho avuto circa 4 mesi fa e sono andato al pronto soccorso dove mi hanno fatto analisi del sangue e urine e elettrocardiogramma dalle quali risultava tutto normale.la colite e migliorato con una alimentazione più sana e fermenti lattici a gogo..poi placche alla gola la settimana dopo curate con rocefin poi subito dopo candidosi dovuta forse a l antibiotico o forse no curata anche quella.dopo circa un mese in cui mi sentivo meglio ho risentito alcuni degli stessi sintomi di questo periodo precedente anche peggio: forte spossatezza umore variabile senso di non essere mai in equilibrio totale come se stessi per cadere sbandamenti,mal di schiena e cervicale e articolare anche! Allora ho pensato fosse quest ultima a darmi questa sensazione di spossatezza continua e ho fatto rx cervicale da cui è risultata solo l abolizione della lordosi cervicale e rx in Totò della colonna vertebrale dalla quale è risultato che ho un lieve atteggiamento scoliotico dorso lombare convesso e slivellamento del bacino con dismetria a sx all altezza dei qualcosa acetebolari..il punto è che questa continua spossatezza dovuta a stress e a tutti questi sintomi che ho avuto nell ultimo periodo mi sta "sopraffacendo"..può essere qualcosa di organico o solamente psicologico il motivo da cui deriva tutto ciò?grazie in anticipo per l eventuale risposta.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
ho letto la sua storia clinica e il post a cui io stesso ho risposto.
Ha smesso di fumare droghe e e ha cambiato medico, DA LEI definito incapace, o siamo ancora allo staus quo ante?
Lei mi porta una infinità di sintomi che solo un esame clinico diretto può permettere di valutare con serietà senza fare ipotesi diagnostiche che non siano campate in aria.
Perciò, nella speranza che abbia cambiato medico, e abbia accantonato qualunque forma di fumo, compreso quello di tabacco, la invito a recarsi al curante per una valutazione generale e per eseguire una routine ematochimica quanto più possibile ampia e completa per verificare che i suoi parametri siano nella norma.
Io, se vorrà, potrò dare uno sguardo ai suoi esami ma lei capisce che di più non posso fare per via telematica.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per le risposta..si ho smesso di fumare marijuana ma non le sigarette e si ho cambiato medico di base che mi ha visitato..mi ha misurato la pressione era 120/90 e mi ha ascoltato cuore e spalle..ha detto che sembrava tutto apposto per quanto riguarda la respirazione ma ha sentito un doppio battito del cuore e un piccolo soffio diastolico mi pare..mi ha prescritto esami del sangue della tiroide che ho fatto il quale responso avrò lunedì..le farò sapere grazie ancora!