Utente 387XXX
Gentili dottori volevo solo porvi una domanda...ieri son stato in un centro accoglienza per lavoro .. All' interno c'era una bimba con febbre a 41 e aveva le convulsioni....tant'è che earrivaya l ambulanza e ricoveratta. All. Interno del centro si incominciava a parlare di meningite...la domanda è questa: dopo quanto tempo si può star tranquilli nella aver evitato un eventuale contagio??? Leggendo su internet si parla che i primi sintomi appaiono 10/20 ore dopo un eventuale contagio. .grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La Meningoencefalite Meningococcica ha un periodo di incubazione molto breve: max 2 - 4 gg.
A meno che non si instauri uno stato di portatore asintomatico.
Che è pericoloso per gli altri e non per lei.
D'altronde mi pare impossibile che non abbiano fornito notizie più precise sulla patologia della bimba, anche perchè chi si trovava nel centro di accoglienza, in caso di reale Meningite Meningococcica, deve essere sottoposto a profilassi farmacologica.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore ...ho sentito stamattina il centro per fare domande .. la bambina nn ha più febbre e oggi la dimettono. ...penso che in una reale meningite il centro sarebbe stato chiuso e in quarantena o sbaglio??? Per lo più i ragazzi dell ambulanza se la son presi in braccio senza uso di guanti e mascherine per ciò pensavo che era molto basso il pericolo... o sbaglio??? Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
la bimba non aveva la Meningite.
Punto.
Le sue ansie sono infondate.
E' bello sapere che in un mondo e un'Italia dove il diverso, l'immigrato, il barbone, vengono guardati con repellenza e usati anche a fini di propaganda politica, ci siano persone dal cuore grande come i ragazzi dell'ambulanza che ha citato.
A loro e a tutti quelli come loro va il mio più sincero abbraccio.
Dott. Caldarola.