Utente 457XXX
Buongiorno, ho effettuato il mio primo sbiancamento denti alla poltrona circa 1 mese fà, con la tecnica del perossido applicato al led a ciclo, ovvero 3 minuti arcata inferiore e poi 3 minuti sull arcata superiore per un totale di 4 cicli, il che porta ciascuna arcata ad un totale di 12 minuti (perossido e lampada) ottenendo discreti risultati, molto buoni appena conclusi, a distanza di neanche 24 ore mi sono sembrati come prima, tornando dal mio dentista per fissare definitivamente un ponte ai molari, prima di fissarlo mi ha fatto notare che ero io che mi ero già abituato mentalmente al colore ed effettivamente era un bel passo avanti in tonalità, anche se non + bianchi come appena concluso lo sbiancamento - io non bevo caffè, non fumo, ma ovviamente l età (27 anni) e alimenti come anche lenticchie o bevande zuccherate col tempo hanno ingiallito, ho un igiene dentale direi molto buona, zero carie nè niente da parecchi anni, uso ogni giorno il filo interdentale, il ponte è dovuto ad una capsula al primo molare che dopo 10 anni ha creato una infezione ed un ascesso, e il mio "nuovo" dentista me l ha curato e non volendo mettere una vite nel dente ho preferito un ponte ( x di + piu costoso).... ma veniamo al dunque, se uno di voi dentisti ha la voglia e la cortesia di rispondermi : 1 : la modalità è esatta ? (12 minuti totali ad arcata) , io sui video su youtube vedo due o tre cicli da 20 minuti l uno su entrambe le arcate. 2 : è possibile senza effetti collaterali fare due sbiancamenti a distanza di 1 mese l uno dall altro e poi rinnovarlo dopo 1 anno? siccome il mio dentista me l ha sconsigliato per non corrodere lo smalto e andare incontro a fastidi e sensibilità. grazie a chi vorrà rispondermi

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
1: dipende dal prodotto utilizzato ( non basta sapere che si tratta di perossido di idrogeno, bisogna sapere il nome commerciale ). In genere tutti i prodotti prevedono più applicazioni ( almeno un paio ) anche nell'arco della stessa seduta. Ma ovviamente non so che prodotto abbia utilizzato il suo dentista. Per esperienza personale non ho mai trovato un prodotto efficacie dopo una sola applicazione da 12 minuti. I migliori risultati li ottengo con sbiancanti appositamente formulati per poter essere attivati da una sorgente laser diodo ma anche in quei casi son necessarie 2 applicazioni almeno. Ad ogni modo la regola e' quella di attenersi alla scheda tecnica del prodotto che riporta le modalità d'uso.
Poi comunque ogni dente risponde in maniera diversa al trattamento, alcune volte si ottengono risultati strabilianti altre volte appena discreti.
2: Dipende da una serie di variabili che rendono ciascun trattamento assolutamente individualizzato. Per alcuni pazienti e' possibile per altri e' decisamente sconsigliabile...per altri ancora a una seduta di igiene professionale si può far seguire qualche giorno di trattamento domiciliare.
Il riuscire a ottenere buoni risultati dipende anche dal saper approcciarsi in maniera corretta ad un trattamento cosmetico che vogliamo nella non abbia risvolti medici indesiderati e difficilmente gestibili.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 457XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dr. Di Iorio, molto cortese. giustamente senza sapere il prodotto non si può continuare a fare supposizione ma in merito al due ,"dipende da una serie di variabili" quali possono essere? soffermandomi su di me, non ho problemi di gengiviti, carie o denti "finti" nella parte frontale che interessa lo sbiancamento, gengive ritirate o altro, una bocca come dice il mio dentista "sana".io preferisco un servizio professionale alla poltrona non solo per il tempo minore ma anche per la professionalità e la cura delle gengive da parte del dentista, in conclusione le domando , alla fin fine è un trattamento puramente estetico , può causare indebolimento o fratture o altre patologie al dente? il mio dentista mi ha garantito di no xkè riguarda solo l esterno del dente e in merito a ciò, dentifrici tipo biorepair che promettono di ricostruire dove ve ne sia bisogno lo smalto dei denti.. hanno un ruolo reale in merito o è l ennesima pubblicità bugiarda? grazie
[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Nessun dentifricio fa rigenerare niente. Sono stupidaggini della pubblicità.
Fondamentalmente la possibilità di un dente di un dente di essere sbiancato dipende dalla sua strruttura (mineralizzazione e spessore dello smalto, tipo di dentina più o meno tubulata ecc. ecc.).
Uno sbiancamento fatto con scienza e coscienza non rovina i denti, eccedere può causare dei problemi che fondamentalmente son di ipersensibilità dentinale fino alla vera e propria patologia infiammatoria pulpare.
Queste comuque sono considerazioni che un professionista fa nel momento in cui le consiglia o meno di fare uno siancamento (e che tipo di sbiancamento).
In definitiva se ha fiducia nel suo dentista si faccia consigliare da lui, se non è pienamente convinto di quel che le ha detto e/o dei risultati ottenuti consulti un altro profesionista.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 457XXX

Iscritto dal 2017
la ringrazio e mi domando come mai dopo anni di pubblicità in tv , giornali ed internet prodotti come biorepair e simili non vengano ancora denunciati all antitrust, ci vorrebbe una giusta segnalazione all'autorità garante della concorrenza e del mercato, stanno commercializzando il nulla.... io del mio dentista ho fiducia, ho avuto a che fare con lui in questi 4-5 anni solo per il ponte e la semplice pulizia dei denti ogni 6 mesi, tutto qui, mi ha lasciato perplesso solo il tempo dello sbiancamento, 12 minuti totali ad arcata mi sono sembrati un pò pochini, ma come dice lei senza sapere il nome commerciale del prodotto non ci si può esprimere a riguardo. la ringrazio per il suo tempo e la saluto caldamente, buona giornata