Utente 454XXX
Salve, non so se mi trovo nella sezione giusta. Non sapevo bene quale scegliere per via di un cocktail di sintomi Abbastanza forvianti. In breve: a giugno 2017 sono andato in viaggio, ho avuto rapporti protetti con una sconosciuta e la stessa notte ho trovato insetti, provenienti dal letto d'albergo e dalle pareti, deambulanti sul mio corpo (apparentemente cimici, non ne sono sicuro). La stanza aveva la moquette e sul letto ho notato punti neri (feci di qualche insetto?). Dal giorno successivo alla prima notte - ho alloggiato per 3 notti -, ho iniziato ad avvertire pruriti ovunque, con comparsa di ponfi che il dermatologo, al mio rientro, ha detto essere punture d'insetto. Terapia antistaminica 10 giorni, remissione totale delle punture. Dacché ho concluso la terapia antistaminica, sono iniziate tutta una serie di sintomatologie che stanno peggiorando e mi rendono impossibile la vita quotidiana. Elenco: presso mani, braccia, collo, faccia e cuoio capelluto, ho reazioni allergiche simili all'orticaria (comparsa di macchie rosse pruriginose che svaniscono nell'arco di 30 minuti); ho prurito sul palato e sugli occhi; ho fastidi addominali (sotto l'arcata costale sinistra e destra, dolore al basso ventre sotto sforzo aerobico, stomaco dopo i pasti); non digerisco il cibo che mangio (le feci sono raramente solide, sono spesso o liquide, o semi-liquide, oppure secche e contengono numerosi residui di cibo non digerito); ho una balanopostite genitale e stanno comparendo punti bianchi sul prepuzio; ho frequente stimolo a urinare, pizzicore nell'uretra e sento come se l'uretra fosse sempre piena d'urina, a volte perdo gocce involontariamente; il recupero muscolare è lentissimo, sono sempre spossato, ho difficoltà a restare sveglio. Ho fatto tamponi uretrali per clamidia, tricomonas, e.coli, miceti, micoplasmi, esami urine e urinocoltura. Tutti negativi. Ora sto aspettando gli esiti del test per hiv, sifilide ed epatite virale. Il mio medico di base non mi ha aiutato, dicendo che devo solo "riposare e bere tanto", e gli specialisti cui mi sono rivolto (dermatologo e andrologo), hanno ammesso di non sapere la causa di questi sintomi. Vi chiedo aiuto, a chi mi posso rivolgere? Non ne posso più. Sto pensando di rivolgermi al pronto soccorso non appena ritiro gli esiti degli esami del sangue...
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
lei proprone una situazione molto complessa che non può assolutamente essere affrontata per via telematica.
Se vuole andare al P.S. ci vada pure: non c'èbisogno di aspettare l'esito degli esami.
Io più razionalmente le consiglierei di rivolgersi ad un ottimo Internista per inquadrare la sua situazione e programmare un adeguato iter diagnostico.
Di più, per via telematica, non possiamo fare.
Saluti Cordiali,
Dott. Caldarola.