Utente 251XXX
Buongiorno, ho avuto una gravidanza ben 17 anni fa, quando ne avevo 23. Da qualche tempo nella mia mente si é insinuato il pensiero della ricerca di una nuova maternità. Ma sono una persona incredibilmente ansiosa ed ho molta paura che uno stato gestazionale ( che so comunque non essere scontato da raggiungere data l'età) possa favorire lo sviluppo di malattie. In particolare mia nonna materna ha avuto un tumore ovarico all'età di 80 anni circa ( é mancata che ne aveva 96) e una mia cugina, sempre in linea materna, un tumore al seno a 40. Ho persino chiesto una consulenza genetica, ma il medico non ha effettuato il test perché ha ritenuto che mancasse in primo luogo una diagnosi certa della patologia di mia nonna, la quale difatti non é mai stata sottoposta ad intervento ed altri requisiti. Vivo con molta angoscia questa situazione, pur sottoponendomi ad indagini come ecografie e mammografia. Una gravidanza potrebbe essere un fattore scatenante di patologie latenti o per le quali esiste una predisposizione anche se non nota? E più in generale esistono studi che indichino che favorisca lo sviluppo di altri tipi di neoplasia? Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Ario Joghtapour
44% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
gentile signora, la persona più adatta per i consigli che ha chiesto è la genetista.
Qulche riflessione; a 45 anni una gravidanza spontanea è molto difficile ed è rarississmo, di conseguenza il problema non ci dovrebbe essere. Invece è possibile con ovodonazione.
La gravidanza può peggiorare patologie tumorali in atto ormonodipendenti. cordialmente
[#2] dopo  
Utente 251XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, la ringrazio per la risposta. Preciso che ho 40 anni. Posso postare la mia richiesta nella specialità specifica? Ringrazio e saluto
[#3] dopo  
Dr. Ario Joghtapour
44% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile signora mi dispiace, ok a 40 anni bisogna affrettarsi, sposto io nella sezione Genetica. Cordiali saluti