feci  
 
Utente 478XXX
Buongiorno,
Mi sono appena iscritta a questo sito perchè ho letto tutte le domande sull’argomento che mi interessa ma non ho trovato una risposta.
A inizio dicembre 2017 ho scoperto di avere gli ossiuri (visti ad occhio nudo e poi mi è stato confermato da una persona che conosco e non sapevo infetta che me li aveva passati lei), ho preso il vermox come da istruzioni del mio medico di base (2 pastiglie per 3 giorni di fila e di nuovo una dopo 15gg) e già dopo i primi tre giorni non ho più visto ossiuri vivi ma solo morti.
Ora siam quasi a febbraio e continuo a vedere ossiuri morti nelle feci! Mi chiedo come sia possibile che non siano diminuiti, che ancora ci siano..
Ho seguito la cura correttamente (infatti sono morti), son quasi diventata maniaca dell’igiene (infatti per fortuna non ho contagiato nessuno e di vivi anche nel mio caso non ne ho più visti) quindi proprio non mi spiego perchè ci siano ancora..
Spero davvero che possiate rispondermi perchè questa situazione mi fa sentire molto a disagio..
Grazie mille..
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signorina,
la terapia con il Vermox è stata impostata off label: è stata sovradosata inutilmente forse perchè chi gliel'ha prescritta non conosce nè la farmacodinamica nè la farmacocinetica del farmaco che ha prescritto.
La dose corretta per gli ossiuri è di una unica dose di 100 mg da ripetersi dopo 15 - 28 gg.
Questa ripetizione si rende necessaria perchè il ciclo evolutivo dell'Enterobius Vermicularis è molto breve.
Tale caratteristica peraltro comporta che anche assumendo mezzo Kg di Vermox, se non si elimina la fonte del contagio, diciamo il reservoir, lei gli ossiuri li può riprendere più e più volte.
Il fatto che li trovi morti non significa nulla: usciti dall'ano non vivono a lungo.
Se lei vive in una comunità, quale una famiglia, devono essere trattati, con una dose di 100 mg, tutti i menbri della famiglia perchè è facile che abbiano il parassita di cui non si avvedono.
Se vive con un partner e non in famiglia il partner deve essere trattato perchè sicuramente affetto.
Non è necessario procedere all'esame parassitologico e allo scotch test per le persone citate, perchè fortunatamente il Mebendazolo è un farmaco ben tollerato e molto maneggevole.
Specie se ci sono bambini in casa vanno trattati anche loro, perchè spesso diventano inconsapevoli serbatoi del parassita.
In quanto a lei, dopo aver verificato tutto quanto consigliato, ovviamente se vorrà, le consiglio di sottoporre le sue feci ad un parassitologico (su feci fresche) e di sottoporsi ad uno scotch test per verificare se oltre ai parassiti morti vi siano elementi ancora vivi e la presenza di uova.
Può teneremi informato se vorrà.
Cari saluti.
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
La ringrazio molto per aver risposto tanto in fretta!

Per quanto riguarda il mio medico, se ben ricordo, mi aveva consigliato quella dose per sicurezza nel caso ci fossero anche altri tipi di parassiti.

La famiglia invece è completamente asintomatica e abbiamo diviso oggetti e spazi personali completamente, ma se comunque consiglia una pastiglia di vermox anche a loro gliela proporrò!
Il partner è stato proprio lui ad attaccarmeli ma ora non stiamo più assieme quindi spero che una volta che mi siano passati non mi tornino..

L’esame delle feci è una cosa che mi imbarazzerebbe parecchio anche se in caso non sparissero prima o poi vedrò di farlo penso.

Posso chiederle in quanto tempo spariscono normalmente?

Intanto la ringrazio ancora molto!!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
con una dose come quella quella che le è stata consigliata la morte dei parassiti si verifica in 24 ore, l'espulsione di quelli morti può richiedere qualche giorno anche in ralazione alla velocità del transito intestinale.
Non c'è nulla di cui vergognarsi nel portare un campione di feci in laboratorio: il personale è abituato e le narici sono ormai assuefatte.
Si consigli con un medico per il trattamento di tutti i componenti della sua famiglia, anche se asintomatici.
Saluti cari.
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
La ringrazio veramente tantissimo per le sue risposte.
Buon lavoro!
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Buona giornata.
Caldarola.