Utente 951XXX
Cominciamo col dire, o accusato per due giorni un dolore, come punture interne al petto lato sx altezza toracica accompagnata da un bisogno di fare grandi inspirazioni, o preso qualche bustina di nimesulide il dolore sì e calmato e restato il bisogno di fare forti inspirazioni e mi sono comparse nella zona toracica e sotto l'ascella sx tre distinti gruppi di bolle che non mi danno prurito, ma soltanto lievi punture interne e restante bisogno di inspirare, definite dalla guardia medica come herpes e mi a dato una pomata ACICLOVIR ABC.
Consultando internet l'herpes a internamente del pus infetto, le mie sembrano non averlo, anche se sono molto simili, arrossate come da alcune foto viste.
Fare una visita da un dermatologo in questi giorni e quasi impossibile.
Mi può dare un consiglio.
Maurizio

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
pur non avendo l'ausilio della visita reale, il suo quadro sembra evocativo di Herpes zooster toracico.
Il farmaco consigliatole dalla GM è indicato per tale patologia.
Le vescicole inizialmente sono limpide e tendono semmai ad intobidirsi in seguito, mentre la franca sovrainfezione , con ev. pus ,è da considerarsi giustappunto una complicanza, da evitare con le opportune terapie.
Consiglio visita dermatologica per ulteriori approfondimenti del caso.
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le comunico ch enon è impossibile fare una visita dermatologica nella capitale i nquestigiorni sia in ambito pubblico che privato: la terapia prescritta - ove fosse confermata l'ipotesi di Herpes zooster non basta:

proceda quindi con serenità per la viista Dermatologica che non è differibile.

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 951XXX

Iscritto dal 2009
Vi ringrazio per le tempestive risposte, anche se ritengo quella del DOT. GIAPIERO GRISELLI. Più utile e rassicurante e grazie per consiglio bene accetto.
[#4] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
In effetti tra le terapie di cui si era accennato visono gli antivirali (anche lo stesso aciclovir)per via sistemica (orale) che andrebbero iniziati quanto più precocemente possibile per non vanificare il loro effetto, nonchè altri che potranno essere consigliati in sede di visita per complemento di terapia. Giusto quindi il consiglio di non differire la visita se possibile.
Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

Forse non mi sono spiegato bene e quindi torno a comunicare al nostro utente Maurizio:

nel pieno rispetto delle sue considerazioni, mi permetta di dirle che la nostra sede orientativa, non serve a "rassicurare" i pazienti: serve a dare loro un orientamento specialistico il più possibile tempestivo fruibile ed utile, specie in casi come il suo che necessitano di ravvedimenti adeguati:

nel suo caso lei ha posto due quesiti:

1. impossibilità di fare visita dermatologica nei giorni festivi a Roma

2. Validità di una terapia TOPICA per presunto Herpes Zooster

3. Ha chiesto facendo ricerche via internet se la sua condizione fosse associabili alle immagini viste (pus infetto)

- le ho risposto al primo punto dicendole che tale affermazione NON è valida poichè - garantisco da Dermatologo della Capitale - che tutti i presidi ospedalieri di Roma sono aperti, cosi come moltissimi studi e centri specialistici privati dermatologici.

- per il secondo punto, le ho comunicato per la sua salute e sicurezza, che una terapia in forma di crema per un presunto Herpes zooster, è perfettamente INUTILE, poichè in tal caso occorrono terapie altamente indicate di farmaci per bocca.

Per il terzo punto aggiungo ora, per massima fruibilità di chi legge, che l'herpes zooster NON possiede mai PUS infetto - ma vescico-papule-pustole a-microbiche.

Se lei ritiene che questi miei orientamenti siano poco utili e poco rassicuranti - è libero di pensarlo e noi ne rispettiamo i canoni, ma mi permetta di comunicarle che la strada per la tutela della Salute e della Sicurezza a volte non deve prendere in considerazione le "rassicurazioni", fra l'altro quasi costantemente impossibili dalla sede telematica, ma un supporto - benchè orientativo e non vincolante - valido per il paziente. Questo è lo scopo di un simile servizio.

cordialità.