Utente 716XXX
gentili dottori. grazie in anticipo per tutti coloro che risponderanno, volevo sapere se nel seguente referto di ecografia addominale sono stati indagati anche i surreni o la regione surrenale; ecco riportato il referto.

ecotomografia dell'addome superiore ed inferiore:
il fegato ha dimensioni normali con diametro longitudinale massimo di cm.13. l'ecostruttura è omogenea. nel contesto parenchimale non si riconoscono lesioni focali sospette. non si osservano segni di dilatazione delle vie biliari intraepatiche.
la colicisti in sede he regolare morfologia ed è alitiasica. Nella norma l'aspetto ed il calibro della via biliare principale (mm.4), della vena porta (mm10) e delle vene sovraepatiche. il rene destro e il rene sinistro hanno, rispettivamente dimensioni aumentate e normali (mm. 107 e mm 103 il diametro longitudinale rispettivamente); l'ecostruttura parenchimale è omogenea con buona differenziazione cortico-midollare. regolari gli echi del seno pielico di ambedue i reni per morfologia ed ampiezza. non si osservano inoltre segni di dilatazione delle vie escretrici.
il pancreas di dimensioni normali e morfologia regolare presenta ecostruttura omogenea ed è esente da lesioni massa.
la milza ha dimensioni normali (mm.96 e mm.41 il diametro longitudinale e coronale rispettivamente) ed ecostruttura omogenea.
l'aorta addominale ha decorso e calibro regolari con lume pervio. non si osservano linfoadenopatie particolarmente in sede periaortica, paracavale ed in sede perlvica.
nei limiti del potere risolutivo della metodica non si apprezzano alterazioni parietali significative a carico del tratto gastro intestinale. non si apprezzano linfoadenopatie in sede ilare epatica, periaortica e paracavale.
la vescica normodistesa mostra buona capacità (circa 350 cc.) ha pareti regolari e simmetriche ed è esente da alterazioni del contenuto. non si rilevano lesioni espansive in sede pelvica. il residuo vescicale post-minzionale è nella norma.
la prostata indagata per via transpubica ha dimensioni normali ad ecostruttura lievemente disomogenea.

grazie e buon 2009. a presto.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Rufo
40% attività
12% attualità
16% socialità
AMASENO (FR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile utente da quello che leggo non risulta mensionato il surrene o regione surrenalica.
Sarebbe utile conoscere il motivo della richiesta dell'ecografia addominale.

Nota : consulto fornito su richiesta dell'utente si ricorda inoltre che la visita medica rappresenta il solo
strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli forniti vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento
[#2] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
l'ecografia è stata richiesta perchè ho un dolore al fianco destro da quasi 2 anni e non mi hanno mai saputo dare spiegazioni. il tutto accompagnato da altri sintomi quali bruschi cali di pressione, stanchezza eccessiva, respirazione faticosa. ho fatto anche una rmn al cranio e alla colonna e una rx torace oltre a esami generici di sangue e urine... una mia amica neo laureata in medicina mi ha detto che potrebbe trattarsi del surrene ma naturalmente stava solo cercando di ipotizzare qualcosa senza avere davanti gli esami effettuati. il dolore è localizzato maggiormente in regione lombare/dorsale. il mio medico mi ha detto che se uno dei surreni fosse aumentato di volume l'ecografia lo avrebbe visto.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Rufo
40% attività
12% attualità
16% socialità
AMASENO (FR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile utente ti consiglio di ripetere l'ecografia addominale specificando sulla ricetta di evidenziare particolarmente il surrene, sarebbe utile inoltre se puoi descrivere il tipo di dolore.



Nota : consulto fornito su richiesta dell'utente si ricorda inoltre che la visita medica rappresenta il solo
strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli forniti vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento

[#4] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
be non saprei spiegare il tipo di dolore...diciamo che è continuo...non è mai passato da quasi 2 anni...è comparso improvvisamente, da un giorno all'altro, quando avvertivo degli altri sintomi sopracitati da circa un mese (non so se a essi sia collegato)...il dolore sembrerebbe partire da una zona molto interna del corpo e si irradia con molto posteriormente all'altezza dell'ultima costola e spesso anche anteriormente all'altezza della colicisti. a volte avverto un senso di formicolio nelle zone del dolore..appena ho cominciato ad avere questo disturbo il dolore era molto forte e accompagnato in maniera pesante da altri sintomi (ripeto non so se le 2 cose sono collegate) forte debolezza, bruschi cali di pressione, stipsi, a volte nausee notturne, starei a letto tutto il giorno a dormire, fatico a svegliarmi la mattina, il primo periodo ho sofferto di fortissimi mal di testa e vertigini. tutti questi sintomi sono andati lentamente sfumando con il tempo senza alcuna terapia. per il dolore ho effettuato anche una accurata fisita ortopedica e fisiatrica che hanno escluso qualunque problema legato a articolazioni e muscoli. allo stesso tempo anche il chirurgo internista che mi ha seguito e prescritto l'ecografia si sente sicuro di dire che probabilmente non c'è nulla...anche se i sintomi non sono piu forti come all'inizio resta comunque il fatto che ci sono e che nessuno mi ha saputo dare una spiegazione. grazie per le risposte dott. Rufo, le sarei molto grato se potesse darmi un suo parere, cosa può causare questo genere di disturbi?
[#5] dopo  
Dr. Antonio Rufo
40% attività
12% attualità
16% socialità
AMASENO (FR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile utente spiegare tutta questa serie di sintomi risulta difficile visto che dagli esami effettuati o meglio da lei descritti, non risultano alterazioni degne di nota. Comunque se tale sintomatolia dovesse continuare consiglio di contattare il proprio medico curante per eventuali ed ulteriori accertamenti del caso.


Nota:consulto fornito su richiesta dell'utente si ricorda inoltre che la visita medica rappresenta il solo
strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli forniti vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento