Utente 275XXX
Buongiorno,
RingraziandoVi Giá per la disponibilitá, chiedo se potete dare una risposta ad un mio dubbio.parliamo di mio papá, a grande rischio per patologia polmonare, fumatore da sempre econ anamnesi famigliare molto positiva, mio nonno, mia nonna e mia zia morti di tumore.
A inizio marzo ricoverato dal ps per edema polmonare acuto (risulta anche uno scompenso cardiaco) dalla tac con mdc emergono 2 noduli indicati a margini spiculati, uno di 19 mm euno di 12 mm (nello stesso lobo, suoeriore destro, di cui quello più piccolo adeso alla pleura) adenopatie ilo mediastiniche (linfonodi 23 mm). conosco abbastanza bene questa malattia (mamma morta di tumore al polmone 6anni fa).
Appena dimesso facciamo visita con chirurgo toracico e inizia iter diagnostico, nel frattempo il chirurgo prescrive cortisone per eliminare gli stati infiammatori e cercare di avere risultati "puliti". Tac ripetuta a 25 giorni dalla prima dopo 10 giorni di cura cortisonica... Risultato 2 noduli (non specificano margini) sospetti, concomitanti nel lobo suoeriore destro... Uno di 16 mm e uno di 10 mm... Possibile una differenza così importante? Errore di uno dei tecnici? Nella prima tac la misura poteva essere influenzata dalla presenza di liquidi? Il cortisone può aver sfiammato noduli maligni?
Noi stiamo attendendo risultato della pet giá fatta e sappiamo che prima di avere una diagnosi definita completa di stadiazione ci vorranno altri esami, ma nel frattempo volevo capire questa cosa delle misure, anche per il futuro... Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Lo Iacono
24% attività
16% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Carissimo,
ci sono tante variabili nella misurazione dei noduli. In primis dove avviene il "taglio" della sezione della TC che può portare ad una leggera variazione nell'ordine del millimetro, in più l'effetto della terapia cortisonica può avere influito nella minima variazione. I due esami alla fine non risultano così diversi tra loro.
Vanno inoltre ben attenzionati i linfonodi segnalati, che possono notevolmente cambiare la strategia.
E' corretta l'esecuzione della PET per decidere la migliore strategia diagnositco-terapeutica.