Utente 109XXX
Dolore ai testicoli (i disturbi menzionati sono spesso scatenati da un rapporto sessuale)- Dolore al coccige, ai glutei agli inguini. terapie tentate TUTTE! Uroflussometria dopo mittoval 2,5mg x 2 = Qmax 18,3 ml/s ; Qave 11,4 ml/s ; Vvoided 310 ml ; TQ 27 s ; T100 46 s ; TQmax 8 s ; Acc 2,2 ml/s ; Cor Qmax 1,0 Residuo post minz praticamente assente. Esami fatti colturali e altri pcr etc... TUTTO NEGATIVO
Mi avevano proposto una TUIP ma con pareri molto discordanti da uno specialista all'altro. Cosa Ho!!!! Stenosi Uretrale? Prostatite cronica abatterica? Sclerosi del collo vescicale? Cistite interstiziale?
Cosi' non vivo piu' ! Non mi rassegno a rimanere con questi sintomi invalidantissimi! Potete darmi dei consigli? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi ,senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire la causa del problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico . A questo punto consulti il suo medico di medicina generale che, riesaminato in prima istanza il suo problema , potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata rivalutazione specialistica con un esperto urologo.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
concordo con il collega a giudicare dalla sua flussimetri anon sembra ostruito, però è indispensabile una valutazione clinica diretta
[#3] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2006
Vi ringrazio per le risposte celeri e Vi dico che la mia prostata e' piena di calcificazioni di esiti prostatitici. I tentativi farmacologici e nn convenzionali sono stati tentati tutti. Adesso , se seguo alla lettera certe "correnti filosofiche" rischio di intossicarmi di antibiotici e farmaci inutili ; quindi gradirei un consiglio circa interventi chirurgici compatibili con la mia eta' ed i miei sintomi persistenti! (rischi/benefici). Una cosa e' certa : io non resto in queste condizioni...! Poi, uno sfogo personale dopo tanti soldi spesi e tante esperienze fatte nel settore : e' che per quanto riguarda questa malattia , la medicina brancoli letteralmente nel buoi (cosi' come per altre patologie vedi Acufeni etc...) e che (non e' il caso Vostro) ma i medici dovrebbero con piu' umilta' dire subito le cose come stanno e non illudere i pazienti. Poi ritengo che 100€ per un controllino ( x solo interpretare esami) siano veramente eccessive... La Vostra e' una nobile scienza che andrebbe fatta anche un po' per VOCAZIONE...!
GRAZIE !
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a questo punto bisogna riparlare con il suo medico curante e con lui scegliere la struttura urologica più vicina alla sua residenza e capace di risolvere il suo complesso problema .

Firenze e provincia non mancano certo di strutture urologiche pubbliche d'eccellenza.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com