Utente 966XXX
salve, ho urgente bisogno di un consulto. Mia nonna ha 75 anni ed è da poco stata operata alla colecisti, nella quale era stata riscontrata della sabbia, inoltre suppongo da quanto è stato detto che la bile aveva gia invaso tutto il corpo e compromesso, indurendolo, il pancreas. In seguito all'operazione tramite la quale si è cercato di far in modo che la bile riprendesse il suo giusto "cammino", mia nonna è entrata in coma. Sin dall inizio della cura prescritta non si è assistito ad alcun abbassamento del tasso d'infezione (salito da 20 a 28). I medici non riescono a spiegarsi come cio sia possibile e sostengono l inesistenza di una cura alternativa. Proprio oggi mia nonna si è svegliata dal coma ma non so quanto questo possa considerarsi evento positivo.
p.s.mia nonna prima di questo problema non ha mai avuto problemi di questo genere.
Ripongo le mie speranze nella vostra buona fede.
Resto in attesa di una vostra risposta.
distinti saluti
D'Angelo Giuseppe

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
sarebbe il caso che specificasse meglio i valori a cui fa riferimento.

In attesa la saluto cordialmente
[#2] dopo  
Utente 966XXX

Iscritto dal 2009
salve dottore,
non conosco bene i valori, ma stasera sono stato informato del fatto che mia nonna ha un tumore al pancreas il quale provoca questa infezione.
i dottori hanno dichiarato che nn si puo fare, io le chiedo è possibile questa cosa?
grazie mille ancora
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
purtroppo le neoplasie del pancreas possono manifestarsi, come sintomi, tardivamente e quando la loro diffusione locale rende impossibile qualunque trattamento chirurgico. Esistono tuttavia dei trattamenti alternativi che permettono temporaneamente almeno di ridurre il grado di infezione e la stasi biliare (CPRE) che i colleghi che hanno in cura sua nonna sicuramente valuteranno se indicati o meno.

Coprdiali saluti

[#4] dopo  
Utente 966XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille